Il San Carlone di Arona

Ultimata nel 1698, la colossale statua di San Carlo è alta 23,40 metri. La costruzione richiese 84 anni di lavoro. Ecco la sua storia

Il San Carlone è uno dei simboli della città di Arona e del Lago Maggiore.

Ultimata nel 1698, la colossale statua di San Carlo, alta 23,40 metri, appoggia su di un piedistallo di granito dell'altezza di 11,70 metri. Con un'altezza totale di 35,10 metri, è seconda per altezza solo alla Statua della Libertà.

Il colosso fu realizzato dagli scultori Siro Zanella di Pavia e Bernardo Falconi di Lugano. Per costruirlo ci sono voluti 84 anni di lavoro. Inizialmente si costruì la struttura interna con blocchi di pietra provenienti dalle cave di Angera; intorno gli fu posta un'intelaiatura in ferro di sostegno. L'esterno fu completato con lastre di rame battute a martello e unite per mezzo di chiodi e tiranti.

L'interno è visitabile salendo da ripide e strette scale attraverso cui è possibile raggiungere la testa. Gli occhi, le orecchie del gigante e alcune finestrelle che si aprono sulla veste permettono di ammirare uno stupendo panorama del Lago Maggiore: la riviera piemontese fino a Solcio, quella lombarda che va da Santa Caterina del Sasso ad Angera e il paesaggio circostante.

Il San Carlone è l'attrazione principale del Sacro Monte di Arona, dedicato a San Carlo e costruito sun una collina poco lontano da Arona in seguito alla canonizzazione dell'Arcivescovo Borromeo avvenuta nel 1610. I lavori iniziarono nel 1614.

Nel progetto iniziale erano previste quindici cappelle (ognuna un episodio della vita del Santo), la Chiesa e il Colosso raffigurante San Carlo. I lavori procedettero molto a rilento a causa di varie vicende belliche, carestie ed epidemie di peste. Solo nell'ultimo decennio del XVII secolo i lavori furono ripresi con vigore, e si poté giungere quanto meno alla realizzazione della colossale statua di San Carlo ultimata nel 1698, su progetto di Giovan Battista Crespi, detto il Cerano.

Il complesso delle cappelle invece non fu mai ultimato, e di quelle previste nel progetto originario ne sono state realizzate solo tre. Sulla piazza del colle si erge la Basilica secentesca al cui interno è custodita la Camera dei Tre Laghi, una ricostruzione della stanza del Castello della Rocca dove nacque San Carlo. Di fronte alla chiesa, sul lato opposto della piazza, si trova l'ex seminario arcivescovile voluto dal Cardinale Federico e concluso nel 1643, con ali aggiunte nell'Ottocento e nel Novecento; ora è sede scolastica.

[fonte: http://www.comune.arona.no.it]


 

Potrebbe interessarti

  • Aperitivo a Novara: 6 locali da non perdere

  • Ospedale Maggiore, ostetricia e ginecologia al vertice della classifica regionale

  • Borgomanero, Mauro Porta nuovo primario di Ortopedia e Traumatologia

  • Come pulire ed igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Piscine a Novara: tutte le tariffe e gli orari dell'estate 2019

  • Ritrovato a Galliate il geometra scomparso da lunedì: sta bene

  • Incidente a Novara: si ribalta in pieno centro a Pernate

  • Geometra scomparso a Bellinzago: l'appello della famiglia

  • Ghemme, punto da un insetto: tenta di salvarsi ma muore il giorno dopo

  • Borgomanero, azienda evade oltre un milione di euro: scoperti anche 15 lavoratori in nero

Torna su
NovaraToday è in caricamento