Riscaldamento nelle scuole, il problema è dovuto al "controllo da remoto"

Ieri quattro scuole elementari sono rimaste al freddo. Il problema è dovuto al passaggio alla nuova ditta di gestione dei riscaldamenti, che non ha potuto accedere al controllo remoto

Sono quattro le scuole che ieri hanno dovuto rimandare a casa i bambini a causa del freddo. Il problema però non è responsabilità nè del Comune nè della nuova ditta che, dal 1 gennaio, ha assunto la gestione degli impianti.

I riscaldamenti nelle scuole, infatti, sono gestiti "da remoto", ossia tramite un sistema che prevede una SIM, simile a quelle dei telefoni cellulari, grazie alla quale il gestore degli impianti può programmare l'accensione.

Nel passaggio da una ditta all'altra però le "pratiche" per cambiare la titolarietà delle SIM sono state lunghe, quindi, a tutti gli effetti, la nuova società di gestione degli impianti non ha potuto accedere per attivare i riscaldamenti.

L'unica scuola in cui rimane il problema è la Ferrante Aporti, dove si é guastata una pompa dell'acqua, che verrà riparata questa mattina. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Novara, donna precipita da una finestra in corso Vercelli e muore

  • Cronaca

    Sesso con ragazzine: novarese arrestato a Como per prostituzione minorile

  • Cronaca

    Travolto da un albero: uomo ferito a Cureggio

  • Cronaca

    Lutto a Novara: è morto Sandro Bertona, storico volontario della protezione civile

I più letti della settimana

  • Novara, donna precipita da una finestra in corso Vercelli e muore

  • Incidente mortale all'autostazione: uomo travolto e ucciso da un autobus

  • Incidente a Cameriano, schianto frontale sulla provinciale: feriti e traffico in tilt