Rapina in villa a Lesa: sequestrati e cosparsi di benzina da un banda armata

Paura per un'imprenditrice e il suo dipendente: i rapinatori hanno minacciato di dare loro fuoco se non avessero consegnato i soldi

Erano in quattro, a volto coperto e armati di pistola, i rapinatori che hanno sequestrato e minacciato un'imprenditrice e un suo dipendente a Solcio di Lesa.

L'assalto

La donna stava rientrando a casa, accompagnata dal suo dipendente, quando sulla porta della villa i malviventi li hanno minacciati con la pistola e costretti ad entrare. Una volta all'interno hanno cosparso di benzina il collaboratore e hanno minacciato di dargli fuoco se non avessero ricevuto tutti i contanti che erano in casa. Dopo il furto di circa 10mila euro si sono dileguati in pochi minuti, facendo perdere le proprie tracce.

Le indagini

Una volta liberati i due hanno lanciato l'allarme: sul posto sono immediatamente giunti i carabinieri di Lesa e di Arona, che hanno poi allertato il nucleo investigativo di Novara per i rilievi. L'episodio, accaduto lo scorso 23 dicembre, era stato tenuto inizialmente nascosto dagli investigatori, ma le voci hanno iniziato a girare in paese nelle ultime settimane. Sembra che si trattasse di almeno quattro uomini, con accento dell'Est Europa e molto ben organizzati. Le indagini proseguono per risalire agli autori della violenta rapina. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus: in Piemonte 29 nuovi decessi, 38 pazienti guariti e altri 144 “in via di guarigione”: i casi totali sono 7.228

  • Coronavirus, 6.708 casi in Piemonte: 46 nuovi decessi e 32 persone guarite

  • "I malati di coronavirus potrebbero essere curati a casa, ma non ci sono i farmaci". Il racconto di un medico di base novarese

Torna su
NovaraToday è in caricamento