Snack a Scuola: un’occasione per promuovere salute

La dottoressa Patrizia Grossi, Dirigente Medico del Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione, spiega il progetto "pilota" del Liceo delle Scienze Umane Bellini

"Uno dei mezzi più immediati per favorire l'adozione di sani stili di vita è il ricorso ai distributori automatici - spiega la dottoressa Patrizia Grossi, Dirigente Medico del Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell'Asl di Novara -  presenti sia in molte realtà lavorative, sia negli ambienti scolastici dove è possibile fare uso, in modo integrato, diversi mezzi di promozione della salute, associando a interventi di informazione e comunicazione la possibilità di scegliere alimenti salutari".

Così il Liceo delle scienze umane Bellini è stato uno dei primi istituti coinvolti nel progetto di cibi sani, anche a scuola.

"L’iniziativa è nata dalla volontà della scuola di fornire agli studenti la possibilità di consumare alimenti sani e bilanciati anche fuori casa. Inizialmente sono state coinvolte tutte le classi prime e seconde del Liceo, (13 classi di cui 6 prime e 7 seconde) alle quali sono stati indirizzati gli interventi tenuti dalla sottoscritta, con lo scopo di informare gli alunni sulle corrette abitudini alimentari, quali la colazione e il consumo di spuntini e bevande adeguati durante la permanenza a scuola. Parallelamente, il dirigente scolastico ha condiviso, con il collegio docenti e i rappresentanti di istituto, la scelta di modificare il contenuto dei distributori automatici.

"Si è provveduto - continua Grossi - a predisporre un capitolato d’appalto per la scuola che prevedesse l’inserimento, su indicazioni dell’ASL, di alimenti sani tra cui frutta, yogurt, cracker di riso, barrette ai cereali e altri snack a basso contenuto di calorie (massimo di 150) e basso contenuto di grassi (non superiore ai 5 g). La ditta titolare dei distributori automatici installati nella scuola, coinvolta nel progetto, ha collaborato attivamente provvedendo a sostituire progressivamente gli snack abituali con altri più adeguati segnalati da cartelli e colori che attirassero l’attenzione degli studenti verso gli spuntini più sani".

"Per quanto riguarda la vendita di bevande la scelta forte è stata quella di mettere a disposizione solo acqua e succhi di frutta senza zucchero, eliminando le altre bevande zuccherate. Per gli studenti pendolari, invece, si è deciso di proseguire il progetto con l’intento di trovare mezzi e strategie per fornire ai ragazzi, tramite scelte alimentari adeguate, “minipasti” bilanciati, anche forniti dalla scuola, nell’intervallo del mezzogiorno per favorire un buon apporto energetico nella giornata".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, dal 3 giugno niente più mascherina obbligatoria all'aperto in Piemonte

  • Mauro Icardi e Wanda Nara comprano casa a Galliate

  • Le spiagge più belle del Lago D'orta

  • Tragedia a Romagnano Sesia, 22enne annegato nel Sesia

  • Coronavirus, +57 positivi in Piemonte: stabile la situazione a Novara, ma c'è un decesso

  • Tragedia a Cerano, i vigili del fuoco entrano in casa e trovano un 58enne morto

Torna su
NovaraToday è in caricamento