Stabilo premia due scuole di Arona vincitrici del concorso "Scrivo che è un piacere"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

I 21 alunni della classe seconda (oggi terza) della Scuola primaria "Anna Frank", seguiti dalla docente Sonia Cesare, e i 21 alunni della classe terza (ora quarta) della Scuola primaria "Paolo Nicotera", seguiti dall'insegnante Francesca Rossano, entrambi istituti di Arona, in provincia di Novara, vincono il concorso legato al progetto didattico "Scrivo che è un piacere" promosso da Stabilo nelle scuole dell'infanzia e nelle prime tre classi delle scuole primarie piemontesi con l'obiettivo di educare i più piccoli al piacere della scrittura.

La premiazione degli studenti della Scuola primaria "Anna Frank" si terrà nella mattinata di venerdì 4 novembre alle ore 10.00 presso la sede dell'istituto stesso, situato in via Fratelli Bandiera n°6, località Tre Ponti ad Arona. L'elaborato realizzato dalla classe vincitrice vede protagoniste l'arte e la natura della piccola cittadina piemontese, rappresentate attraverso coloratissimi disegni raffiguranti il Lago Maggiore, il famoso Colosso di San Carlo Borromeo e la chiesetta del paese.

Nel corso della stessa mattinata, alle ore 11.00, verranno premiati anche gli alunni della Scuola primaria "Paolo Nicotera", in via Cesare Battisti n°17, che hanno, invece, scelto di dedicare la loro opera d'arte interamente all'imponente Colosso di San Carlo, scherzosamente definito "San Carlone", della cittadina di Arona, vista come la "perla del Lago Maggiore".

La traccia da seguire per produrre gli elaborati e partecipare al concorso, "Ti scrivo che è un piacere… dal mio Piemonte", ha dato modo ai bambini di entrambe le scuole di raccontare il proprio rapporto con il territorio in cui vivono attraverso disegni e colori.

Gli alunni delle classi vincitrici saranno premiati da Magda Borsani, Marketing and Communication Manager di Stabilo Italia, Manlio Michele Lupi, Responsabile Progetto Scuola di Stabilo Italia, Sabrina Radrizzani, Marketing & Communication Assistant di Stabilo Italia, Andrea Littieri, Rappresentante Stabilo Italia per la Regione Piemonte, e un rappresentante della Cartoleria Preti di Arona.

A valutare gli elaborati pervenuti, una giuria qualificata composta da Magda Borsani, Marketing and Communication Manager della filiale Italiana di Stabilo, Chiara Molaroni, consulente progetti educational, Donatella Novelli, art director, Gessica Francaviglia, educatrice, e Denise Ballor, titolare della cartoleria Omnia di Moncalieri (Torino). Le opere dei piccoli artisti sono state valutate in base a criteri di originalità, abilità tecniche e creative e attinenza al tema.

Il progetto educativo, che ha riscontrato un enorme successo nell'anno scolastico 2015/16 e si è rinnovato anche per l'anno scolastico 2016/17 (oltre 1.400 richieste di kit educativi, più di 400 elaborati realizzati e 20 classi premiate), mette gratuitamente a disposizione delle insegnanti una guida docenti, un opuscolo informativo per i genitori e consigli per esercizi ludico-motori per aiutare i più piccoli a compiere con naturalezza i movimenti della scrittura. L'azienda rende, inoltre, disponibile sul sito www.stabilo.com/progettoscuola/it/ una sezione ricca di consigli pratici e schede operative da utilizzare durante le lezioni. La linea di prodotti ergonomici Stabilo Easy Start, composta da penne, matite in grafite e pastelli colorati, arricchisce il kit grazie a strumenti ideati appositamente per un'impugnatura corretta e rilassata.

A completamento dell'iniziativa didattica, Stabilo si rivolge direttamente alle insegnanti condividendo il know-how maturato in anni di studi e ricerche nel campo dell'ergonomia e della psico-motricità infantile attraverso seminari e convegni organizzati sul territorio al fine di promuovere la scrittura manuale e l'importanza di una corretta impugnatura degli strumenti di scrittura. Numerose docenti hanno preso parte con entusiasmo e partecipazione agli appuntamenti a loro dedicati.

Torna su
NovaraToday è in caricamento