Trecatese tenta di uccidere la moglie in strada a colpi di roncola: aveva chiesto il divorzio

É successo a Sant'Antioco, in Sardegna, ma i due risiedono da anni a Trecate. Maria Teresa Garia è gravissima, in manette Antioco Tardini

I carabinieri sul luogo dell'omicidio (foto Ansa)

Si erano dati appuntamento dall'avvocato per il divorzio, ma prima di entrare nello studio il marito ha brandito una roncola per strada e ha cercato di ucciderla. 

I protagonisti

La tragedia si è consumata in piazza Umberto a Sant'Antioco, in Sardegna, alle 17.30 di martedì 16 luglio sotto gli occhi attoniti di decine di turisti. A compiere il folle gesto è stato Antioco Tardini, 66 anni: l'uomo aveva un'appuntamento con la moglie, Maria Teresa Garia, per controllare le carte del divorzio consensuale. La coppia, originaria di Sant'Antioco, era emigrata da giovane a Trecate, dove sono nati e abitano i loro tre figli. Qualche mese fa il matrimonio si è incrinato e Maria Teresa ha deciso di tornare a vivere in Sardegna da sola, nella casa si famiglia. 

L'aggressione

I due dovevano trovarsi alle 18 nello studio dell'avvocato. Maria Teresa si trovava già in piazza e stava uscendo dalla farmacia quando il marito l'ha inseguita con la roncola, appena comprata in un negozio di ferramenta, e ha cercato di colpirla. La donna è fuggita nella gremitissima piazza chiedendo aiuto. Tardini le ha sferrato tre fendenti: i primi due sono andati a vuoto mentre il terzo l'ha colpita alla testa mentre ormai si trovava a terra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il salvataggio dei passanti

A fermare l'aggressione sono stati due passanti, Giuseppe Pau, un muratore, che ha usato una sedia per cercare di togliere la roncola di mano a Tardini, e Daniele Protopapa, maresciallo della Guardia costiera, che ha fermato l'uomo prima che sferrasse un altro colpo. L'aggressore ha poi cercato di fuggire, ma i due sono riusciti ad immobilizzarlo. In pochi minuti sul posto sono giunti i carabinieri e l'ambulanza, che ha trasportato la donna prima all'ospedale Sirai di Carbonia e poi, vista la gravità del quadro clinico, nel reparto di Neurochirurgia dell'ospedale Brotzu di Cagliari. Le sue condizioni sono ancora critiche. Il marito invece si trova in carcere con l'accusa di tentato omicidio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Piemonte mascherine obbligatorie per gli addetti alla vendita e raccomandate per chi fa la spesa

  • Coronavirus, in Piemonte prorogata l'ordinanza con più restrizioni: no attività sportiva e passeggiate

  • Coronavirus, in arrivo i buoni spesa: chi ne ha diritto e come richiederli a Novara

  • Coronavirus, morto infermiere novarese di 51 anni: aveva quattro figli

  • Coronavirus: mascherine in distribuzione gratis a Novara, ma non in tutta la città

  • Coronavirus, diffusa su internet una falsa ordinanza: la denuncia della Regione

Torna su
NovaraToday è in caricamento