Ubriaca dà in escandescenza al pronto soccorso: blocca le ambulanze e aggredisce medici e poliziotti

La donna, già nota per alcune aggressioni e per aver infastidito i passanti in piazza Gramsci, è stata denunciata

Immagine di repertorio

Non voleva aspettare il proprio turno in pronto soccorso e ha dato di matto.

Sabato sera una donna, Paola Labella, già nota per essere stata protagonista di episodi di violenza in centro insieme al compagno Roberto Perotti, è arrivata al Maggiore per un dolore al labbro provocato dal piercing. I sanitari le hanno assegnato un codice bianco, in modo che i pazienti più gravi passassero prima di lei, che però ha iniziato ad infuriarsi. Dopo aver insultato medici e infermieri ha dato in escandescenza e si è piazzata davanti all'ingresso delle ambulanze, bloccando di fatto l'accesso. Sono dovuti intervenire i poliziotti, che sono stati anche loro aggrediti dalla donna. Inevitabile la denuncia, che ha portato all'obbligo di firma in attesa del processo. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • un colpo secco da eliminare certa felcia

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Novara | Bimbo morto a Sant'Agabio: "Il piccolo Leonardo massacrato di botte". Fermati la madre e il compagno

  • Attualità

    MercatoneUno chiuso: lavoratori in protesta in un clima di incertezza

  • Cronaca

    Maggiora, vanno a correre nei boschi e non rientrano: momenti di paura per due 20enni

  • Verbano Cusio Ossola

    Domodossola, trovato lupo investito sui binari del treno

I più letti della settimana

  • Ha un infarto in auto, i carabinieri lo rianimano e gli salvano la vita

  • Bimbo morto a Sant’Agabio, indagati la madre del piccolo e il compagno

  • Novara | Bimbo morto a Sant'Agabio: "Il piccolo Leonardo massacrato di botte". Fermati la madre e il compagno

  • Novara, tragedia a Sant'Agabio: bambino di 2 anni muore in casa

  • Blitz delle forze dell'ordine in una ditta novarese: lavori fermi

  • Novara, cavalcavia Porta Milano chiuso improvvisamente per problemi strutturali

Torna su
NovaraToday è in caricamento