Università del Piemonte Orientale e Fauser insieme per l'alternanza scuola-lavoro

Docenti e studenti universitari del Dipartimento di studi per l'Economia e l'impresa affiancheranno i ragazzi dell'Istituto novarese in un progetto di simulazione aziendale

Università del Piemonte Orientale e istituto tecnico tecnologico statale "Giacomo Fauser" fanno squadra e presentano un proetto formativo triennale di alternanza scuola-lavoro.

Il progetto si chiama "L'università incontra la scuola: i giovani e la peer education nell'impresa formativa simulata" e promuove l'attività di simulazione di un'impresa all'interno del contesto scolastico attraverso la metodologia "peerto peer" (educazione tra pari) tramite il coinvolgimento di studenti universitari del Dipartimento di studi per l'Economia e l'impresa dell'Upo.

 

Il progetto prevede il coordinamento tra il tutor di parte universitaria, la ricercatrice del DiSei Carmen Aina, e i referenti scolastici Barbara Maduli, Grazia Cosentino e Giuseppina De Vito. Gli studenti universitari coinvolti - per un massimo di 16, frequentanti l’ultimo anno della laurea triennale o un corso di laurea specialistica - dovranno coordinare le attività degli allievi del Fauser nella concreta realizzazione dell’impresa formativa simulata, attraverso lo svolgimento di un’attività produttiva di beni o servizi.

La simulazione di impresa si svolgerà secondo le fasi che il Miur ritiene necessarie per i programmi di alternanza, partendo dall’orientamento per arrivare alla vera e propria attivazione dell'impresa e alla sua gestione. Dopo l’analisi del mercato di riferimento, volta a individuarne punti di forza e criticità, la simulazione partirà dal reperimento di eventuali fonti di finanziamento; verrà costituita l’attività di impresa stabilendo la struttura economica più idonea e verranno applicati le normative e gli adempimenti vigenti per le imprese italiane ed europee; gli studenti effettueranno, infine, transazioni commerciali e finanziarie.

Attraverso la modalità di apprendimento cosiddetta learning by doing, il progetto ha l’obiettivo di stimolare la partecipazione attiva degli studenti al contesto sociale e di creare competenze cognitive, collaborative e comunicative grazie a un loro coinvolgimento proattivo. Studenti e studentesse, inoltre, avranno il compito di auto-valutare il proprio operato e quello del loro gruppo di lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in montagna: novarese precipita e muore

  • Festa fra studenti in un locale al Ticino si trasforma in una lite

  • Incidente in montagna, è Maurizio Bruschi il novarese precipitato durante un'escursione

  • Tragedia a Novara, si sente male al funerale del marito: morta 84enne

  • Arona, sul Lago Maggiore tornano le Frecce Tricolori

  • Dopo Sanremo, Bugo: c'è chi propone la cittadinanza onoraria

Torna su
NovaraToday è in caricamento