Migliori ristoranti d'Italia: la cucina di Villa Crespi premiata dal Gambero Rosso

Il ristorante dell'hotel di lusso di Orta San Giulio in vetta alla classifica. La cucina dello chef stellato Antonino Cannavacciuolo è stata premiata con le tradizionali "tre forchette"

Villa Crespi è tra i 29 migliori ristoranti d'Italia secondo Gambero Rosso. La cucina dello chef stellato Antonino Cannavacciuolo è stata infatti premiata con le tradizionale "tre forchette".

Il ristorante dell'hotel di lusso di Orta San Giulio è l'unico della provincia di Novara ad essere stato, nuovamente, inserito nella guida dedicata al viaggiatore buongustaio, al gourmet navigato, al curioso, a chi vuole semplicemente saperne di più su come si mangia, oggi, nel nostro Paese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La guida Ristoranti d’Italia 2017 fotografa una cucina complessa e variegata, di anno in anno più difficile da racchiudere in categorie chiuse quanto ricca di stimoli, talenti, idee come solida nelle sue radici. Ma a parlare sono i numeri: 704 pagine, 2420 indirizzi, quasi 300 nuovi ingressi, 20 cartine, una per regione, con l'indicazione immediata del "meglio" di ognuna. Uno strumento sempre più completo e facile da consultare, un servizio al consumatore che vuole "saper scegliere" dove il distintivo sistema di punteggio analitico e il corredo dettagliato di informazioni per ogni eserciziodefiniscono un valore aggiunto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Piemonte mascherine obbligatorie per gli addetti alla vendita e raccomandate per chi fa la spesa

  • Coronavirus, in Piemonte prorogata l'ordinanza con più restrizioni: no attività sportiva e passeggiate

  • Coronavirus, Cirio: "Ordinanza in Piemonte prorogata fino al 14 o al 20 aprile"

  • Coronavirus, in arrivo i buoni spesa: chi ne ha diritto e come richiederli a Novara

  • Coronavirus, morto infermiere novarese di 51 anni: aveva quattro figli

  • Coronavirus, cauto ottimismo dal Maggiore di Novara: in Piemonte 9.418 i casi

Torna su
NovaraToday è in caricamento