Industria: nel novarese le aziende rimandano la ripresa

Secondo le previsioni congiunturali elaborate dall'Ain per il terzo trimestre del 2012 restano negativi alcuni indicatori, ma cresceranno export e investimenti. Previsioni negative per metalmeccanico e chimico, positive per alimentare e tessile-abbigliamento

Ancora notizie non positive per l'industria novarese, che deve rimandare di alcuni mesi l'appuntamento con la ripresa.

Dalle previsioni congiunturali elaborate dall’Associazione Industriali di Novara per il terzo trimestre dell’anno emerge, infatti, che il saldo tra gli imprenditori che si dichiarano ottimisti e quelli che sono pessimisti sull’incremento della produzione tra luglio e settembre 2012 è sceso a -6,4 punti, rispetto ai -2,8 dello scorso aprile. I saldi ottimisti/pessimisti relativi agli ordini totali ed esteri si attestano, invece, rispettivamente a -2,2 e +8,3 punti, contro i +0,9 e +3,4 della precedente rilevazione.

"L’incertezza che caratterizzava le previsioni del trimestre scorso - ha commentato il presidente dell’Ain Fabio Ravanelli - si è accentuata e gli spiragli di ritorno della fiducia sono stati ristretti dal peggioramento di alcuni indicatori. L'inizio della fase di uscita dalla crisi è quindi rimandato, perché l'export, da solo, non può fungere da volano in modo sufficientemente solido".

I dati relativi al mercato del lavoro rimangono quindi negativi, ma sostanzialmente stabili: il saldo ottimisti/pessimisti relativo alla volontà di fare nuove assunzioni sale a -8,4 punti dai precedenti -9,4, mentre il 23,9% delle imprese intervistate (contro il precedente 23,5%) pensa di fare ricorso alla Cassa integrazione guadagni. Migliorano, invece, gli indicatori relativi ai programmi di investimento: la percentuale di aziende che
dichiarano di voler procedere alla sostituzione o all'ammodernamento degli impianti sale dal 41,3% al 43,2%, mentre prevede di investire in un ampliamento della capacità produttiva il 21,1% degli imprenditori, contro il 15,4% di tre mesi fa.

"Questi dati - ha aggiunto Ravanelli - portano una salutare ventata di ottimismo e sono sintomatici della forte volontà di resistenza e di recupero che l'industria novarese è sempre capace di esprimere, anche nei momenti più difficili".

Rimane su livelli elevati (al 59,8%, come nella precedente rilevazione) la percentuale di imprese che dichiara un ritardo negli incassi rispetto ai tempi di pagamento pattuiti. A livello settoriale non viene confermata l’attesa inversione di tendenza nel metalmeccanico, dove quasi tutti gli indicatori sono impostati negativamente: - 12,8 è il saldo ottimisti/pessimisti relativo alle aspettative di produzione (era +12,8 nel 2° trimestre 2012), mentre quelli riferiti agli ordini totali ed esteri si attestano, rispettivamente, a -15,4 e +3 punti, a fronte dei precedenti +2,7 e -3,2, e il saldo sulle aspettative di allargamento della base occupazionale scende da -2,5 a -17,5 punti. Il 25,6% delle imprese dichiara inoltre la volontà di ricorrere alla Cassa integrazione guadagni (era il 24,3% lo scorso aprile) ma le previsioni di investimento per ammodernamento o sostituzione salgono al 37,5% dal 35,1% precedente, mentre quelle per ampliamenti crescono dal 16,2% al
20%. Si attesta su livelli preoccupanti (60% contro il 54,1% della scorsa rilevazione) la percentuale di imprese che dichiara ritardi negli incassi.

Le aspettative di produzione tornano negative anche nel chimico, con un saldo ottimisti/pessimisti che scende da zero a -5,8 punti, mentre i saldi tra gli ottimisti e i pessimisti del comparto sugli ordini totali sono a +5,9 punti, a fronte dei +13,3 della precedente indagine, e quelli sulle esportazioni tornano in campo positivo dopo un anno, a +6,2 punti. Peggiorano le aspettative di allargamento della base occupazionale (-5,8 il saldo ottimisti/pessimisti, rispetto al +6,7 del 2° trimestre 2012) anche se nessuna azienda (contro il 6,7% dello scorso aprile) intende ricorrere alla cassa integrazione durante l'estate. Migliorano le denunce di ritardi nei pagamenti, che sono segnalate dal 46,7% delle imprese  intervistate, a fronte del precedente 61,5%.

L'indagine dell'Ain conferma, invece, il miglioramento dei principali indicatori nel tessile-abbigliamento, dove il saldo ottimisti/pessimisti riferito alle aspettative di produzione sale a +12,5 punti dagli zero del precedente trimestre, con saldi in crescita da +12,5 a +37,5 punti per gli ordini totali e da -12,5 a +14,3 punti per quelli esteri. Il saldo ottimisti/pessimisti relativo alle intenzioni di fare nuove assunzioni passa da -12,5 a +25 punti, ma il 25% di imprese (contro il precedente 14,3%) dichiara l’intenzione di fare ricorso alla Cassa integrazione guadagni. Crescono anche le intenzioni di investire in ammodernamento (37,5%) e in ampliamento (12,5%) degli impianti mentre i riatri negli incassi sono segnalati dal 57,1% degli intervistati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Indicatori positivi, infine, per il comparto alimentare, dove il saldo ottimisti/pessimisti relativo alle aspettative di produzione balza da +18,2 a +50 punti, lo stesso valore del saldo riferito agli ordini totali, che era a +27,3 punti nel trimestre scorso. Cala invece, da 40 a 25 punti, il saldo ottimisti/pessimisti riferito agli ordini esteri. Nessuna azienda dichiara di voler fare ricorso alla Cassa integrazione guadagni (erano il 9,1% nel secondo trimestre dell'anno), mentre il saldo ottimisti/pessimisti relativo alle previsioni di allargamento della base occupazionale sale a zero dai precedenti -9,1 punti. Il 25% delle imprese intervistate (contro il 18,2% precedente) esprime la volontà di procedere ad ampliamenti della capacità produttiva, mentre il 62,5%, contro il 54,5% di aprile, intende investire in ammodernamento o sostituzione degli impianti. Aumenta  ancora, attestandosi su livelli molto preoccupanti, la percentuale di imprese che dichiara ritardi negli incassi rispetto ai tempi di pagamento pattuiti: 75% contro il 45,5% del secondo trimestre 2012.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Incidente a Novara, auto si schianta contro un dehors in via Pontida

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: dal 10 luglio niente più distanziamento su treni e bus

  • Incidente in tangenziale a Novara: motociclista finisce contro il guard rail

  • Incidente a Paruzzaro: schianto tra auto e camion, un ferito grave

  • Coronavirus, pronta una nuova ordinanza in Piemonte: niente più distanziamento sociale sui mezzi pubblici

Torna su
NovaraToday è in caricamento