I sapori del riso italiano a Casalbeltrame, dal 21 al 23 settembre

E' stata presentata ieri, lunedì 23 luglio, la manifestazione nata a Vigevano e promossa negli anni precedenti da Consorzio Ast, che quest'anno va in trasferta a Casalbeltrame, grazie a un accordo con la Camera di Commercio di Novara

"Rice - I Sapori del Riso Italiano" quest'anno va in trasferta a Casalbeltrame, grazie a un accordo con la Camera di Commercio di Novara, che si fa promotore dell'iniziativa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La manifestazione, nata a Vigevano e promossa negli anni precedenti dal Consorzio Ast, è stata presentata ieri, lunedì 23 luglio, a Novara. La tappa che si terrà il 21 settembre a Novara e il 22 e 23 a Casalbetrame, da dieci anni Città Slow e nota per la coltivazione del riso nero Venere, vuole essere l’inizio di un processo di collegamento tra le tre province del riso: Novara, Pavia e Vercelli, anche nell'ottica di una partecipazione coordinata dei territori italiani a maggiore vocazione risicola all'Expo 2015, in cui il riso avra' un ruolo da protagonista.

Anche in questa nuova location, "Rice - I Sapori del Riso Italiano" offrirà un nutrito calendario di iniziative per gustare, acquistare e conoscere meglio questo alimento e il territorio in cui da secoli viene coltivato e lavorato. Ogni appuntamento - dai laboratori del gusto ai cibi di strada, dagli incontri con i grandi chef (ma non solo) alle proposte di itinerari sul territorio - diventa un modo suggestivo di raccontare la storia del riso e delle sue tradizioni.

Si potrà, dunque, prima di tutto "gustarlo" nei laboratori del gusto, dove i protagonisti saranno sia i grandi chef che i cuochi di trattoria e osteria. Tutti grandi interpreti della cucina del riso, che eseguiranno davanti al pubblico dei partecipanti ricette che interpretano la tradizione del proprio territorio, ne spiegheranno i segreti e la relazione con le peculiarità di ciascuna varietà di riso impiegata. I laboratori si chiuderanno con l’assaggio da parte del pubblico delle elaborazioni eseguite. Rispetto alle edizioni precedenti, oltre ai laboratori del gusto, l’edizione Rice 2012 propone l’iniziativa "Cucinare il riso", momenti di approfondimento in cui un esperto spiegherà i segreti della cucina del riso.

Chi volesse invece provare un menù completo a base di riso potrà prenotarsi, a pranzo o a cena, nell’Osteria del Riso, dove quattro ristoranti eccellenti del territorio si alterneranno per offrire uno spazio di ristoro di qualità. Si potrà infine gustare il riso anche negli stand del Cibo di strada, assaggi gastronomici d'eccellenza provenienti dalle tradizioni culinarie di tutto il mondo.

Ci saranno anche occasioni di acquisto nello spazio dedicato al Mercato del Riso, in cui verrà esposta la migliore produzione agricola e dell'artigianato alimentare collegato alla produzione del riso, ma non solo. Il riso, con le sue tradizioni e storie legate ai territori in cui viene coltivato, verrà poi raccontato grazie a mostre fotografiche, momenti di intrattenimento, interviste a personaggi, proiezioni, frammenti di spettacolo,  chiacchiere culinarie, presentazioni e testimonianze nel Gran Teatro del Riso.

Durante la manifestazione avverrà anche la consegna del premio "Chicco d’Oro", un particolare riconoscimento ai maestri del riso che l’anno scorso ha visto premiati chef quali Claudio Sadler, Ezio Santin e Igles Corelli.

Chi volesse approfondire la conoscenza di questo affascinante territorio e della cultura del mondo agricolo, legato in particolar modo al riso, potrà seguire le visite guidate al Museo Etnografico 'L çivel". Si potrà poi anche approfittare degli itinerari in bici e in calesse alla scoperta della terra del riso, con visita alle cascine delle mondine, come ad esempio la Tenuta Fisrengo. Ma anche visitare la vicina villa Gautieri e la struttura di Materima, che custodisce opere scultoree di importanti artisti del Novecento.

Un'anteprima della manifestazione si potrà avere a Novara nella giornata di venerdi 21 settembre, nella quale si cercherà di affascinare e coinvolgere il pubblico con eventi e ospiti di grande rilievo.

La manifestazione è promossa dalla Camera di Commercio di Novara, in collaborazione con l'Atl, la Provincia e il Comune di Novara, con il supporto tecnico di Ast Vigevano e Slow Food, e il sostegno di Regione Piemonte, Fondazione Bpn per il territorio, Camere di Commercio di Pavia e Vercelli, Coldiretti, Confagricoltura, Cia, Ente Nazionale Risi, Associazione Irrigazione Est Sesia, Fondazione Artis Pagus e Comune di Casalbeltrame.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Incidente a Novara, auto si schianta contro un dehors in via Pontida

  • Incidente a Paruzzaro: schianto tra auto e camion, un ferito grave

  • Coronavirus, pronta una nuova ordinanza in Piemonte: niente più distanziamento sociale sui mezzi pubblici

  • Incidente mortale a Omegna: giovane perde la vita nello schianto tra un'auto e una moto

  • Batterio pericoloso: ritirato lotto di salmone prodotto a Borgolavezzaro

Torna su
NovaraToday è in caricamento