Mercatone Uno: il Ministero lo ammette all'amministrazione straordinaria

Attesa per eventuale offerta di acquisto, anche nei quattro centri del Novarese, di cui due a rischio chiusura

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha comunicato che il gruppo Mercatone Uno è stato ammesso alla procedura di amministrazione straordinaria  (Legge Marzano). Il decreto firmato dal Ministro Federica Guidi ha inoltre indicato la nomina di tre commissari straordinari che seguiranno la situazione: si tratta di Vincenzo Tassinari, Ermanno Sgaravato e Stefano Coen.

Nel Novarese sono quattro i punti vendita Mercatone Uno: Trecate, Romagnano Sesia, Caltignaga e Pombia. Quelli a maggior rischio chiusura, prima della procedura di amministrazione straordinaria erano quelli di Romagnano e Pombia. E proprio in questi due punti vendita da circa tre settimane, è infatti in corso una svendita totale con ribassi sino al 70%. Bisognerà vedere ora cosa accadrà.

Dal canto suo Mercatone Uno, dopo l'apertura della procedura di amministrazione straordinaria speciale ha comunicato che "l'avvio di questa fase è da considerarsi come una naturale prosecuzione del percorso aperto con il concordato preventivo autorizzato dal Tribunale di Bologna, il cui presupposto fondamentale era la ricerca di un investitore che potesse dare continuità al marchio". Sempre secondo l'azienda "l'investitore che si è proposto ha comunicato che procederà alla presentazione di un'offerta definitiva di acquisto entro la fine del mese di aprile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave incidente a Oleggio: auto precipita dalla statale

  • Trecate, donna di 37 anni trovata morta in casa: è omicidio

  • Novara, in corso della Vittoria apre un nuovo supermercato vicino a Esselunga

  • Novara, a Sant'Agabio nascerà un nuovo polo logistico con 400 posti di lavoro

  • Camion perde il carico sull'A26, auto bloccate con le gomme a terra e autostrada chiusa

  • Omicidio di Trecate: fermato il compagno che si difende: “Siamo stati aggrediti in casa”

Torna su
NovaraToday è in caricamento