Scuola e lavoro: oltre 800 studenti novaresi in visita alle aziende del territorio

Venerdì 11 novembre per l'edizione 2016 di "Industriamoci". Ventisei le piccole e medie imprese della provincia coinvolte

Gli studenti novaresi in visita alle aziende del territorio. Sono oltre 800 quest'anno gli alunni provenienti da 40 classi terze, quarte e quinte di 6 istituti scolastici superiori del novarese che saranno protagonisti dell'edizione 2016 di "Industriamoci", la giornata delle piccole e medie imprese promossa a livello nazionale dalla Piccola Industria di Confindustria.

L'appuntamento è per la mattinata di venerdì 11 novembre: gli studenti novaresi, accompagnati da 40 insegnanti, visiteranno 26 aziende del territorio.

"Un numero in crescita del 62,5% rispetto all’anno scorso - ha spiegato il presidente del Comitato per la piccola industria dell’Associazione Industriali di Novara Roberto Francoli - mentre gli studenti iscritti all’evento, in tutto 806, sono aumentati addirittura dell’88,3% rispetto all’edizione 2015. Otto classi provengono, rispettivamente dagli Itis Omar e Fauser e dall’Istituto professionale Bellini di Novara, sette dall’Its Nervi, sei dall’Istituto agrario Bonfantini, sedi di Novara e di Romagnano Sesia, e tre dall’Istituto Leonardo da Vinci di Borgomanero. Credo si tratti della migliore, perché più concreta, dimostrazione di quanto questa iniziativa stia riscuotendo il crescente interesse da parte di scuole e imprese, che si dimostrano sempre più seriemente impegnate nella ricerca di percorsi comuni da intraprendere in futuro".

Per i "tour" nelle imprese del novarese saranno utilizzati 19 pullman, che si dirigeranno in numerosi centri del territorio. Le aziende, non soltanto di piccole dimensioni, che hanno segnalato all’Ain la loro disponibilità a ospitare i giovani visitatori sono: la Frattini Luigi di Bellinzago Novarese, la Sime di Borgomanero, la Fandis di Borgo Ticino, la Procos di Cameri, la Michele Letizia di Cerano, la F.lli Francoli di Ghemme, la La Torre e la Vifra di Invorio, la Balchem Italia di Marano Ticino, la Schaeffler Italia di Momo, la Sellmat di Prato Sesia, la Brandoni di Romagnano Sesia, la B-Pack e la Boca di San Pietro Mosezzo, la Gessi di Serravalle Sesia, la Columbian Carbon Europa e la Esseco di Trecate. Hanno sede nel capoluogo la And Communication, il Centro Europeo di Formazione, la Comoli Ferrari &C., la Ebano, la Italgrafica e tre importanti nomi del comparto tessile: Gottifredi e Maffioli, G.F. Services (Gucci) e Gianni Versace.

"Desidero ringraziare fin d’ora - ha aggiunto Francoli - tutte le imprese per la preziosa collaborazione che ci hanno assicurato, dandoci un valido contributo nell’organizzazione di un evento che sta assumendo dimensioni davvero significative. L’avvio delle iniziative legate all’alternanza scuola-lavoro, che innova profondamente la dimensione didattica rendendo strutturali le relazioni tra i mondi della formazione e delle imprese, si sta concretizzando anche attraverso queste visite".

Tra le protagoniste dell’iniziativa c’è anche la Riso Crespi di Nibbia, impresa agricola che ha aderito all’accordo siglato quest’anno, per la prima volta, tra Piccola Industria di Confindustria e Confagricoltura, e che verrà visitata da 91 ragazzi della sede novarese del "Bonfantini".

L'edizione 2016 del "Pmi Day", che si svolge nell’ambito della XV "Settimana della Cultura d’Impresa" organizzata da Confindustria e della "Settimana Europea delle Pmi" promossa dalla Commissione europea, ha registrato un record di partecipazione anche a livello nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in montagna: novarese precipita e muore

  • Novara, controlli dei vigili nei negozi: sequestrate scarpe da ginnastica contraffatte

  • Festa fra studenti in un locale al Ticino si trasforma in una lite

  • Incidente in montagna, è Maurizio Bruschi il novarese precipitato durante un'escursione

  • Cosa fare in città: gli eventi del fine settimana del 15 e 16 febbraio

  • Fabbricava e vendeva biglietti falsi, denunciato autista della Vco Trasporti

Torna su
NovaraToday è in caricamento