Trenord assume: al via le candidature per 80 posti di lavoro

Dove inviare il curriculum

Trenord assumerà 80 persone.

L'azienda di trasporti ha avviato le selezioni per assumere nuove figure professionali che avranno il compito di prestare supporto ai viaggiatori, di gestire azioni di contrasto all’evasione del biglietto e di svolgere attività di presidio a terra, in stazioni e impianti, e a bordo treno, per prevenire episodi critici e collaborare con la funzione Security nella tutela del personale, dei clienti e dei beni aziendali.      

La selezione è aperta a uomini e donne e richiede ai candidati diploma di scuola media superiore, ottima conoscenza della lingua italiana, buona conoscenza dell’inglese, disponibilità a lavorare su turni e nei giorni festivi su tutto il territorio lombardo. È inoltre richiesta una buona padronanza dei più comuni strumenti digitali.

Gli 80 profili selezionati entreranno a far parte della squadra di Trenord dopo un percorso di formazione della durata di cinque settimane, durante le quali saranno fornite le competenze per svolgere attività di assistenza ai clienti e di tutela della sicurezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coloro che fossero interessati dovranno inviare la propria candidatura tramite il sito trenord.it nella sezione “Lavora con noi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus: in Piemonte 29 nuovi decessi, 38 pazienti guariti e altri 144 “in via di guarigione”: i casi totali sono 7.228

  • Coronavirus, 6.708 casi in Piemonte: 46 nuovi decessi e 32 persone guarite

  • "I malati di coronavirus potrebbero essere curati a casa, ma non ci sono i farmaci". Il racconto di un medico di base novarese

Torna su
NovaraToday è in caricamento