Borgomanero: nuovo appuntamento con il cineforum

Martedì 21 gennaio nuovo appuntamento con il cineforum di Borgomanero. Sul grande schermo arriva "Cold war".

La scheda del film

Titolo originale: Zimna Wojna
Regia: Pawel Pawlikowski
Sceneggiatura: Pawel Pawlikowski, Janusz Glowacki (cosceneggiatore)
Fotografia: Lukasz Zal
Montaggio: Jaroslaw Kaminski
Scenografia: Marcel Slawinski, Katarzyna Sobanska
Costumi: Aleksandra Staszko
Suono: Maciej Pawlowski, Miroslaw Makowski
Interpreti: Tomasz Kot (Wiktor), Agata Kulesza (Irena), Joanna Kulig (Zula), Borys Szyc (Kaczmarek), Jeanne Balibar (Juliette), Jacek Rozenek (Józef Rózanski), Cédric Kahn (Michel), Martin Budny (americano), Philip Lenkowsky (straniero), Adam Woronowicz (console), Adam Ferency (ministro), Adam Szyszkowski (guardia), Drazen Sivak (investigatore 1), Slavko Sobin (investigatore 2), Aloïse Sauvage (cameriera), Anna Zagórska (Ania), Tomasz Markiewicz (capo del ZMP), Izabela Andrzejak (Mazurek), Kamila Borowska, Katarzyna Ciemniejewska, Joanna Depczynska, Gracjana Graczyk, Dominika Ladziak, Martyna Mankowska, Zofia Nowak, Anna Pas, Patryk Jurczyk, Pawel Kasprzak
Produzione: Ewa Puszczynska, Tanya Seghatchian per Opus Film/Apocalypso Pictures/MK Productions
Distribuzione: Lucky Red
Durata: 89'
Origine: Gran Bretagna, Francia, Polonia, 2018
Data uscita: 6 dicembre 2018
Premio per la miglior regia al 71. Festival di Cannes (2018)

Nella Polonia alle soglie degli anni Cinquanta, la giovanissima Zula viene scelta per far parte di una compagnia di danze e canti popolari. Tra lei e Wiktor, il direttore del coro, nasce un grande amore, ma nel '52, nel corso di un'esibizione nella Berlino orientale, lui sconfina e lei non ha il coraggio di seguirlo. S'incontreranno di nuovo, nella Parigi della scena artistica, diversamente accompagnati, ancora innamorati. Ma stare insieme è impossibile, perché la loro felicità è perennemente ostacolata da una barriera di qualche tipo, politica o psicologica.
Alle volte basta una spiccata sensibilità musicale, la capacità di comprendere così profondamente come un certo stile, certe armonie e certe melodie possano sposarsi a determinati luoghi, costumi ed epoche per creare un grande film. Dentro “Cold War” c’è una storia abbastanza canonica d’amore passionale e impossibile (né con te né senza di te) tra due amanti che in 15 anni circa si rincorrono in tutta l’Europa degli anni ‘50 e ‘60, passando da una parte e all’altra della cortina di ferro. Ma per quanto ben recitata e trasportata da una notevole sensibilità, è quel che c’è dietro a questa trama a reggere tutto il film.
Si tratta della storia non dei fatti ma del costume e della società, di cosa eravamo e come siamo cambiati, nell’epoca della guerra fredda raccontata tramite i vari settori dell’industria musicale e della sua evoluzione. Idee astratte come libertà, inibizione, tensione, voglia di riscatto e autodistruzione sono rese dagli abiti e dalle melodie. Similmente al classico di Bakshi, “American Pop” (ma con stile ovviamente molto diverso), “Cold War” racconta di due talenti che emergono in modi diversi nella musica, attraversando stili e generi in un continuo mutamento che non fa che palesare come la loro tensione in realtà rimanga sempre la stessa.
Wiktor e Zula si incontrano all’inizio alle audizioni per una compagnia di ballo e canto popolare tradizionale polacco. Apparenza da campo di concentramento ma dinamiche da “Saranno famosi”, lei fa subito colpo col suo carattere e la sua voce, lui è in commissione e gestisce la compagnia. Il sodalizio artistico è subito un successo e se ne accorgono anche le alte sfere del partito. In seguito prenderanno strade diverse, poi simili, poi di nuovo diverse con carriere altalenanti che si influenzeranno a vicenda in un continuo amarsi e respingersi, fuggire e poi cercarsi.
La musica francese, quella slava e di nuovo quella polacca, “Cold war” riesce a non preferirne nessuna e ad ognuna trova il suo senso, il suo contesto e la usa per spiegare un mondo. Questo è vero già in quel primo momento, quando lavorano nella compagnia di balli e canti folkloristici. Le canzoni tradizionali polacche dei campi e dei proletari hanno un’orchestrazione meravigliosa a cui Pawlikowski abbina scenari che ne completano il senso. Zula che nelle campagne polacche canta una melodia contadina che parla d’amore ingenuo mentre prova quell’amore e si lascia trasportare dall’acqua del fiume in cui galleggia, è un’immagine così centrata, armoniosa e in cui musica, e immagini vanno così a braccetto, da illuminare di colpo sul senso di quelle note e sulla loro evidente bellezza. Lì in quel modo e in quel punto sembra anche allo spettatore che davvero tutto abbia senso.
Nella stessa maniera poi la musica da film, la musica jazz da club degli anni ‘50 e quella latina degli anni successivi saranno sempre abbinate al giusto contesto, al giusto mood, ai giusti scenari per raccontare assieme a questo classico amore funestato dalla troppa passione anche la storia dell’evoluzione della musica stessa, come sia sempre stata specchio della società e di come vivevano le persone sia nel mondo libero che in quello comunista.
Dire che la ‘musica è protagonista’ così tanto da dare un senso ad intreccio sentimentale risaputo, sarebbe un’incredibile banalità di fronte ad un film così sofisticato che in certi punti sembra replicare inquadrature da cinema hollywoodiano degli anni ‘30 (specie nelle feste affollate) e in altre (quando i personaggi sono soli e disperati) sembra imitare la fotografia ruvida e immediata di John Cassavetes per avere il meglio dei due mondi uniti in modi che non pensavamo possibili prima di vederlo, eppure è la verità.
Gabriele Niola, BadTaste.it

Il film di spionaggio che gli americani non sanno più girare - e cioè un film sul tradimento e sulla finzione, sulla Storia costruita con il tradimento e la finzione, dunque “Casablanca” o addirittura il cinema stesso - l’ha girato Pawlikowski con “Zimna Wojna” (“Cold War”). Dalla campagna polacca a Varsavia, da Berlino a Parigi alla Jugoslavia, poi ancora Parigi e Varsavia, la storia d’amore tra un compositore e una cantante tra il 1948 e il 1964. Il mélo è il pretesto, la musica il vero testo, fondata com’è sull’idea di influenza e di furto, con scavallamenti fra Est a Ovest e viceversa e passaggi dalla tradizione popolare al jazz, dal rock al cha cha cha. E oltre la musica, ovviamente, la Storia, quella politica dell’Europa e quella del cinema (Bresson, Tarkovskij, Antonioni, Freda, Forman, Polanski) non citato, ma evocato, rifatto, rimodulato. Capolavoro.
Roberto Manassero, Film Tv

PAWEL PAWLIKOWSKI
Filmografia:
Last Resort (2000), My Summer of Love (2004), La femme du cinquième (2011), Ida (2013), Cold war (2018)

Martedì 28 gennaio 2020:
LA PARANZA DEI BAMBINI di Claudio Giovannesi, con Francesco Di Napoli, Viviana Aprea, Mattia Piano Del Balzo, Ciro Vecchione, Ciro Pellecchia

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

  • Cineforum a Borgomanero: il programma

    • dal 15 ottobre 2019 al 5 maggio 2020
    • C/o Cinema Nuovo Multisala - Sala 1

I più visti

  • Carnevale novarese 2020: la grande sfilata per le vie della città

    • Gratis
    • 22 febbraio 2020
    • centro storico
  • "Divisionismo. La rivoluzione della luce" al Castello

    • dal 23 novembre 2019 al 5 aprile 2020
    • Castello Visconteo-Sforzesco
  • Torna il Carnevale Oleggese: tutti gli appuntamenti in programma

    • Gratis
    • dal 9 al 25 febbraio 2020
  • Torna NovaraJazz: oltre 45 appuntamenti da ottobre 2019 a maggio 2020

    • dal 17 ottobre 2019 al 21 maggio 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    NovaraToday è in caricamento