Dalla Regione stanziati 4 milioni per le scuole dell'infanzia paritarie

I Comuni finanziati sono 223, di cui 36 tra novarese e Vco

Foto di repertorio

Sono esattamente 3 milioni e 850mila euro i contributi che la Regione Piemonte ha messo a disposizione a favore delle scuole dell’infanzia paritarie.

Uno stanziamento, quello per l’anno scolastico 2018-2019, che supera quello che era stato erogato per l’annata precedente. La Regione Piemonte riconosce infatti la funzione sociale e formativa svolta dalle scuole dell’infanzia paritarie, non dipendenti da enti locali territoriali operanti nel proprio territorio, purché non abbiano fine di lucro e siano aperte alla generalità dei cittadini. Come è infatti previsto dall’art.14 della legge regionale 28/2007, l’Ente quindi assegna specifici contributi ai Comuni che stipulano con le scuole dell’infanzia apposite convenzioni, rispettose dell’autonomia educativa delle scuole e della libera scelta educativa dei genitori. Per particolari situazioni e per mantenere il servizio in zone disagiate, la Regione può anche erogare direttamente il contributo alle scuole paritarie.

I benefici sono assegnati per ciascuna sezione costituita e funzionante con un numero minimo di 15 alunni, fatta eccezione per le scuole a sezione unica per le quali il numero minimo è di 8 alunni.

I Comuni finanziati sono 223, di cui 18 in provincia di Novara (per un importo di di 333.616 euro) e altrettanti 18 nel Verbano Cusio Ossola (per un totale di di 230.590 euro). A questi fondi si aggiungono quelli destinati direttamente a 51 istituti scolastici sparsi in tutta la Regione: 8 nel novarese (per un importo di 76.137 euro) e 6 nel Verbano Cusio Ossola per un totale di di 54.618 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Si tratta di un atto che conferma la nostra attenzione per i territori - spiega l’assessore regionale all’Istruzione Elena Chiorino - e per le scuole che, in questi territori, svolgono un’importantissima funzione sociale ed educativa. Reputo molto importanti, in particolare, i contributi erogati a favore delle zone disagiate e di montagna. La nostra azione di governo sarà finalizzata, anche per quanto riguarda l'Istruzione, a garantire un servizio scolastico capillare e di qualità e ad arrestare il fenomeno dello spopolamento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centri estivi: un contributo di oltre 9 milioni di euro per il Piemonte

Torna su
NovaraToday è in caricamento