Abbattimento degli aceri sui Viali del Colle della Vittoria

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

E’ già cominciato l’abbattimento degli aceri sui Viali del Colle della Vittoria. Soltanto l’altro ieri l’assessore Perugini e il dott. Bosco avevano convocato le associazioni ambientaliste e la stampa per annunciarlo. Noi del Comitato sapevamo da tempo che era in programma, avendo letto il Progetto esecutivo della localizzazione interventi redatto nell’agosto 2018 che prevedeva : “L’intervento di messa a dimora di nuovi alberi sarà concentrato nell’ambito “Colle della Vittoria” per un totale di 43 nuovi alberi a dimora sulle vie San Nazzaro della Costa e Viale Rimembranze, consequenziale agli abbattimenti delle alberate sui suddetti viali.”

Avendo appreso ciò, abbiamo proceduto a fare richiesta di accesso agli atti per visionare le schede tecniche di quegli aceri, che ancora non abbiamo potuto vedere, e il dott. Bosco ci aveva invitate a un incontro in loco, al Colle della Vittoria appunto, per illustrarci la situazione. Erano presenti anche gli altri tecnici e tutti hanno riconosciuto che negli anni sono stati fatti interventi e potature sbagliati che, insieme all’incuria, hanno portato molti di quegli aceri ad avere un aspetto malconcio quando non ad ammalarsi. I tecnici comunque ci avevano detto che l’intervento programmato in quell’area era rimandato a novembre.

Poi sabato scorso abbiamo ricevuto l’invito per l’incontro al Colle di mercoledì e due giorni fa con una certa sorpresa abbiamo appreso che gli abbattimenti sarebbero iniziati immediatamente. La caduta di uno di quegli aceri durante la notte di lunedì per il forte vento deve aver generato questa fretta. Purtroppo però il periodo dell’anno non è adatto, in quanto gli alberi hanno già le gemme quando non le foglioline (il che comunque dimostra che se anche un po’ malandati continuano a essere vitali e a donarci le loro chiome), e inoltre questa è la stagione della nidificazione….

Nell’incontro, come anche riportano i media locali, si è parlato dell’abbattimento di 33 esemplari ed eventualmente, dopo un’approfondita verifica, di altri quattro. Su un totale di 51. Questa ci è parsa una parziale buona notizia. Nel senso che se dobbiamo con grande dispiacere accettare che i 33 aceri siano incurabili e quindi vanno tagliati, ci rallegriamo che gli aceri sani rimangano vivi e vegeti. A noi non importa che il filare sia esteticamente omogeneo e secondo noi gli alberi sani non devono essere abbattuti in funzione della configurazione lineare del filare.  Se dovessimo considerare l’aspetto estetico di diverse aree,anche verdi, della nostra città ci sarebbe molto da fare (non ci riferiamo certo al taglio di alberi). Noi ci preoccupiamo di conservare (e quindi curare, se necessario) tutto ciò che può essere conservato, a partire dai nostri grandi amici alberi, che ci tutelano (in specie quelli adulti) dall’inquinamento che noi stessi generiamo a nostro danno. Amici fedeli e del tutto disinteressati.

Gli alberi abbattuti - è stato comunicato - verranno sostituiti con dei lecci, che fortunatamente sono dei sempreverdi. Non importa se in loco la sostituzione, nella prospettiva della loro crescita futura, non potrà essere 1:1, l’importante è che gli alberi che non potranno essere piantati lì lo siano da un’altra parte, in modo che la sostituzione sia piena e completa.

Abbiamo appena finito di scrivere e ci giungono le foto di un membro del Comitato: i quattro aceri lasciati in vita in Via San Nazzaro (in viale delle Rimembranze i “lavori” non sono ancora iniziati) sono stati completamente capitozzati! Di loro è rimasto soltanto il tronco. E’ ormai conclamato che le capitozzature, oltre a rendere gli alberi orrendi (già, a proposito di estetica!) li debilitano, e lo sforzo che impiegano per ributtare i rami indebolisce il loro apparato radicale, quindi un domani i rischi di cadute aumenteranno…

Torna su
NovaraToday è in caricamento