Legambiente contro la guerra chimica alle erbacce

L'associazione ambientalista: "Comuni e Province mettano al bando i diserbanti"

Con l'arrivo della primavera torna la battaglia di Legambiente contro la guerra chimica alle erbacce, "una battaglia -spiegano dall'associazione ambientalista - spesso esagerata, a base di diserbanti ed erbicidi, prodotti chimici contenenti spesso sostanze potenzialmente cancerogene".

"La loro pericolosità - continuano da Legambiente - riguarda in primo luogo gli operatori che effettuano il diserbo, ma non solo: gli effetti dannosi si ripercuotono fortemente sulla salute dei cittadini, della fauna locale e degli ambienti acquatici, dal momento che le sostanze irrorate vengono dilavate dalla pioggia e finiscono nei corsi d’acqua".

Proprio per questo Legambiente ha rinnovato in questi giorni la propria richiesta alle amministrazioni locali di tutto il Piemonte e la Valle d’Aosta per una revisione dei piani comunali di gestione del verde urbano che preveda la messa al bando dei prodotti chimici ad azione erbicida, fungicida, insetticida e acaricida. Per l’associazione ambientalista è possibile infatti adottare modalità di gestione del verde urbano meno rischiose, più razionali e rispettose della popolazione e dell’ambiente.

"In diverse regioni italiane e in altri paesi europei - sottolineano ancora da Legambiente - la manutenzione delle strade viene effettuata esclusivamente con sfalcio meccanico o manuale, programmando in genere gli interventi in modo che le specie vegetali presenti possano compiere il loro naturale ciclo vegetativo. Il risultato è che i bordi delle strade sono più belli e comunicano un’idea di rispetto per l’ambiente nelle sue forme anche più 'umili'. In alternativa all’uso di mezzi meccanici, si possono utilizzare per il diserbo prodotti consentiti nell’agricoltura biologica, quali l’acido pelargonico, il piretro naturale, il bacillus thurigensis, l’olio bianco naturale o la semplice acqua irrorata a temperature molto elevate. Questi prodotti hanno la stessa efficacia, ma non lasciano residui e, pertanto, non inquinano il suolo, caratteristica che li rende particolarmente adatti alle aree urbane, quotidianamente frequentate dai cittadini e dai loro animali domestici".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Nella tutela dell’ambiente e della salute molto possono fare le amministrazioni locali - aggiunge il presidente di Legambiente Piemonte e Valle d'Aosta Fabio Dovana - adottando regolamenti di gestione del verde che vietino diserbanti e disseccanti. Queste sostanze vengono presentate come inoffensive per l’ambiente in quanto rapidamente biodegradabili, in realtà sono nocive all’uomo non solo a livello della molecola attiva, ma anche di quelle che derivano dalla loro degradazione e dei componenti che favoriscono l’incorporazione della molecola nella pianta. Si possono quindi avere conseguenze negative quando c’è esposizione diretta ad alte dosi, ma anche, a lungo termine, con esposizioni prolungate e ripetute a dosaggi molto bassi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Violento scontro fra auto e motocicletta: morto un centauro novarese

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: dal 10 luglio niente più distanziamento su treni e bus

  • Incidente in tangenziale a Novara: motociclista finisce contro il guard rail

  • Cosa fare in città: gli eventi del fine settimana del 4 e 5 luglio

  • Stresa, si masturba davanti ai passanti: 26enne denunciato dai carabinieri

Torna su
NovaraToday è in caricamento