"A Novara da due mesi niente più misure del PM 10"

La lettera di Fabio Tomei del Coordinamento Ambientalista Rifiuti del Piemonte

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

Sorprende che da più di due mesi, esattamente dal 4 agosto u.s., non siano più disponibili su internet le misure delle polveri sottili PM 10 e dell' ozono presenti nell' aria di Novara. A mia memoria questa assenza di dati non si è mai verificata nel passato, e credo che il Comune di Novara dovrebbe spiegare a tutti il perché di questo buio.

Esprimiamo preoccupazione per lo spegnimento successivo nel tempo delle centraline dell' ARPA , prima quella di l.go Leonardi, poi di quella di v.le Roma, infine di quella di v.le Verdi. In attesa di capire meglio le disposizioni permanenti, quelle che dovevano iniziare il 1.° ottobre u.s. nelle quattro Regioni della pianura padana per migliorare la qualità dell' aria nel Nord Italia, chiediamo al Comune che venga data risposta alle seguenti domande: primo, per quale motivo i dati del PM 10 e dell' ozono nell' aria non sono più disponibili; secondo, quando questi dati saranno nuovamente disponibili, tenuta presente l' imminente accensione dei riscaldamenti domestici; terzo, come e quando verranno applicate le misure di emergenza nei casi previsti dal " semaforo padano", cioè codice arancio, rosso, viola dopo rispettivamente 4 giorni, 10 giorni, 20 giorni successivi di sforamento del PM 10.

Torna su
NovaraToday è in caricamento