Carta e cartone, il Piemonte tra le prime regioni per la raccolta differenziata

La regione con quasi 59 kg raccolti per abitante si mantiene al di sopra della media nazionale

Sono più di 260 mila le tonnellate di carta e cartone recuperate in Piemonte nel 2017 - secondo quanto riporta il XXIII Rapporto Annuale di Comieco (Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica) - e con un pro capite di raccolta che sfiora i 59 chilogrammi la regione supera il dato medio nazionale, pari a 54,2 chili per abitante. Il Piemonte però registra un calo del 2% rispetto al 2016, raccogliendo circa 5.300 tonnellate in meno.

Le province che mostrano indicatori migliori sono quelle di Biella, con un pro capite che oltrepassa i 78 chilogrammi, e di Verbania poco sotto i 70 kg/ab ma con un’interessante crescita rispetto al 2016 (+10,9%). L’area di Torino mantiene il primato in termini di volumi raccolti rappresentando la metà dell’intera raccolta regionale. In molte aree la resa si attesta intorno al dato medio, con spazi di crescita importanti a partire dalla provincia di Asti che raccoglie poco più di 50 chili per abitante, unica sotto la media nazionale.

“Il territorio piemontese da diversi anni mostra segni di fatica nell’andamento sulla raccolta differenziata di carta e cartone. È un trend che va monitorato, ma è più da ricondurre a meccanismi del mercato dei maceri che hanno indirizzato flussi di materiale su canali di riciclo diversi dalle raccolte comunali. Il Piemonte ha una consolidata abitudine alle buone pratiche in tema di raccolta di carta e cartone coerentemente con le altre regioni del Nord Italia, un‘area che ha raggiunto nel complesso una solida di maturità in questo settore”, commenta Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco. “Il consorzio nel 2017 ha gestito il 48,3% della quantità di materiale raccolto nella regione. E lo ha fatto attraverso una rete che comprende 1049 Comuni convenzionati e che riguarda oltre 4,1 milioni di abitanti, ossia il 93% della popolazione piemontese. Per sostenere l’impegno di cittadini e amministrazioni nel separare e raccogliere correttamente carta e cartone, Comieco nel 2017 ha destinato ai Comuni in convenzione quasi 10 milioni di euro”.

Per quanto riguarda lo scenario nazionale, la raccolta di carta e cartone in Italia nel 2017 è cresciuta dell’1,6%, trainata soprattutto dal balzo del 6,1% compiuto dal Sud. Nord e Centro si confermano le aree in cui la raccolta è più performante con un pro capite rispettivamente di 63,3 e 67,4 chilogrammi. I margini di miglioramento sono però ancora ampi. Secondo Comieco infatti le tonnellate di carta e cartone in più potenzialmente intercettabili su tutto il territorio italiano sono quasi un milione.

Potrebbe interessarti

  • Come smettere di fumare in dieci passi

  • Da settembre panoramica dentaria presso la Radiologia di Arona

  • I 3 migliori spioncini digitali per porte blindate

  • Il potassio: dove trovarlo e i benefici

I più letti della settimana

  • Esselunga assume a Novara e provincia: come candidarsi

  • Creavoladossola, donna trovata morta nella notte nei boschi vicino a casa

  • Arriva "Antonino Chef Academy”: strada chiusa due mesi per lo show di Cannavacciuolo

  • Castelletto Ticino, rimane schiacciato da una pianta che stava tagliando: morto sul colpo

  • Val Vigezzo, non ce l'ha fatta la donna soffocata da un boccone al pranzo di Ferragosto

  • Tragedia a Domodossola: 50enne trovato morto in casa

Torna su
NovaraToday è in caricamento