Migliora il tempo nel novarese: resta l'allerta nelle zone del Lago Maggiore e Lago d'Orta

Ancora rischio residuo di locali allagamenti nell'alto novarese e verbano. Il bollettino di Arpa

Il Lago Maggiore esondato (foto di repertorio)

Milgiora il tempo in Piemonte e nel novarese, anche se nelle zone del Lago Maggiore e Lago d'Orta resta l'allerta gialla per rischio residuo di locali allagamenti.

Secondo il bollettino meteo di Arpa Piemonte, fino a domani, giovedì 8 novembre, sono previste precipitazioni generalmente deboli. Al momento sono ancora attivi 21 Coc (Centro operativi comunali).

Arona, ancora allarme esondazione: il lago cresce di un centimetro all'ora

Restano sorvegliati speciali il Lago Maggiore, i cui livelli sono ancora in crescita in queste ore e per tutta la giornata, e il Lago d’Orta che nell’ultima ora è rimasto stabile e per il quale si prevede un progresssivo, seppur lento, abbassamento nelle prossime ore. A partire dalle 16 la Sala operativa regionale passerà in assetto ordinario (h. 12 più servizio di pronta reperibilità) e continuerà a seguire la situazione fino all’esaurimento di tutti i fenomeni e i loro effetti sul territorio.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Premosello Chiovenda: muore chef di Gravellona Toce

  • Sport

    Cuneo Novara 0-0: Azzurri ancora deludenti

  • Cronaca

    San Pietro Mosezzo: uomo muore sul posto di lavoro

  • Cronaca

    Fermato in Friuli autista di macchinari rubati da un'azienda novarese

I più letti della settimana

  • Tragedia a Vercelli, bambina di 12 anni muore nel sonno

  • Movida violenta a Novara, feroce aggressione fuori dalla discoteca Ryan's

  • Le Iene a Novara: nel mirino della trasmissione il nuovo regolamento di polizia urbana

  • San Pietro Mosezzo: uomo muore sul posto di lavoro

  • Cosa fare in città: tutti gli appuntamenti del fine settimana del 17 e 18 novembre

  • Tragico investimento sui binari, due fratelli travolti dal treno: uno è morto, l'altro è gravissimo

Torna su
NovaraToday è in caricamento