A Granozzo si chiede l'abbattimento delle aliquote Imu e Spending Review

Il gruppo consiliare di minoranza "Insieme si può" chiede al Comune di tagliare gli sperperi di denaro pubblico, ma il Consiglio comunale chiude alle proposte inserite nella mozione della minoranza

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

Il Consiglio comunale boccia le proposte dei tagli agli sperperi del denaro pubblico, per non gravare sulle tasche dei cittadini, anche in previsione dei possibili aumenti di aliquote di rivalutazione e dell’imposta del calcolo dell’Imu.

La maggioranza a guida del sindaco Arrigo Benetti, in un momento di crisi profonda, di notizie di veri e propri sperperi del denaro pubblico, non accetta le proposte avanzate dai componenti della minoranza, Caccia Mario, Salsa Claudio e Benedetti Anna, che puntano anche ad una migliore razionalizzazione delle risorse umane, per ottenere risparmi sui benefit concessi e sugli straordinari.

Ma la stessa amministrazione in carica si celebra, votando contro il taglio degli sperperi evidenziati in Consiglio dal Gruppo "Insieme si Può".

I consiglieri di minoranza hanno infatti sottolineato i dubbi sui costi da sostenere per l’apertura dell’asilo nido comunale per un solo bambino di Granozzo. Gli stessi consiglieri di minoranza hanno avanzato ulteriori dubbi sui costi di completamento in continua crescita della nuova palestra comunale, progettata addirittura senza prevedere gli spogliatoi ed i bagni.

Il Gruppo di minoranza, in questo caso, ha sottolineato che "Chi ha approvato il progetto della palestra e poi ha dovuto alzarla e in seguito inserire gli spogliatoi, ne ha la responsabilità politica e si dovrebbe dimettere ed il responsabile tecnico della progettazione dovrebbe risponderne al consiglio Comunale".

Lavorando sui costi superflui ed ottimizzandoli, evitando gli sprechi segnalati dal Gruppo di minoranza e bocciati dall’amministrazione, si potrebbe ottenere un consistente risparmio di spese, una cifra considerevole in questo periodo di recessione, che presumibilmente si aggira a quasi un terzo degli introiti derivanti dall’Imu.
 

Il consigliere capogruppo
Dott. Mario Caccia

I più letti
Torna su
NovaraToday è in caricamento