Elezioni 2014: ecco tutto quello che c'è da sapere

I novaresi andranno al voto dalle 7 alle 23 di domenica 25 maggio; non si vota lunedì 26. Promemoria dell'Ufficio elettorale del Comune di Novara

Domenica 25 maggio i novaresi andranno a votare per eleggere il nuovo presidente della Regione, e il Consiglio regionale, e i propri rappresentanti al Parlamento europeo. I seggi sono aperti dalle 7 alle 23; non si vota lunedì 26 maggio.

Ecco una breve guida al voto, con tutte le informazioni fornite dall'Ufficio elettorale del Comune di Novara.

L’Ufficio elettorale ricorda che le tessere elettorali consegnate nel 2001 ai novaresi potrebbero essere "piene". Infatti, un cittadino che avesse esercitato da allora, in ogni occasione, il proprio "diritto/dovere" costituzionale, dovrebbe avere riempito completamente le caselle a disposizione per i timbri degli scrutatori.

Al fine di evitare problemi in vista dell’"election day", l'Ufficio elettorale invita tutti i novaresi a verificare che la propria tessera contenga ancora spazi utilizzabili per il voto. In caso contrario, ci si può recare presso la sede di via Rosselli 1, per il rilascio della nuova tessera (venerdi e sabato dalle 8 alle 18; domenica dalle 7 alle 23), previa esibizione di quella esaurita. Se in un nucleo familiare più elettori verificano di avere esaurito la propria tessera, uno solo di loro può effettuare l’operazione di rinnovo, semplicemente dotandosi di apposita delega (per info: 0321.3702210, elettorale@comune.novara.it).

Si ricorda inoltre che il Comune non può spedire a casa (ai cittadini che avessero esaurita la prima tessera) la nuova tessera elettorale poiché non puo’ controllare quante volte il singolo abbia votato negli ultimi 13 anni.

I 79578 novaresi (dei quali 37547 uomini e 42031 donne) aventi diritto di votare il 25 maggio potranno esprimersi per le elezioni del Parlamento europeo e per le Regionali.

Per il Parlamento europeo si vota con il sistema proporzionale. Per esprimere la propria preferenza è necessario presentare un documento di identità e la propria tessera elettorale. L'elettore, al momento della votazione, riceverà un'unica scheda, di colore grigio per l'Italia nord-occidentale (Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria, Lombardia). Ogni elettore può esprimere sia un voto soltanto di lista, mettendo una 'X' sul simbolo del partito prescelto, sia un voto di preferenza, scrivendo, a fianco del simbolo della lista votata, il nome e cognome o solo il cognome dei candidati preferiti compresi nella stessa lista. Si possono votare fino a un massimo di tre candidati della stessa lista, purché siano di sesso diverso, pena l'annullamento del terzo nome.

Alle elezioni regionali l'elettore può votare per il candidato presidente, facendo un segno sul nome; in questo modo però non si dà nessuna preferenza ai partiti che si presentano. Si può invece votare per un partito, senza indicare nessun candidato, così facendo il voto va al candidato collegato a quella lista. Nelle elezioni regionali ci sono le preferenze, si può quindi esprimere la preferenza per un candidato alla carica di consigliere scrivendo il cognome. È possibile anche optare per il voto disgiunto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus, in Piemonte prorogata l'ordinanza con più restrizioni: no attività sportiva e passeggiate

  • Coronavirus, Cirio: "Ordinanza in Piemonte prorogata fino al 14 o al 20 aprile"

  • Coronavirus, in arrivo i buoni spesa: chi ne ha diritto e come richiederli a Novara

  • Coronavirus, morto infermiere novarese di 51 anni: aveva quattro figli

Torna su
NovaraToday è in caricamento