Vco in Lombardia: tutto quello che c'è da sapere sul referendum del 21 ottobre

Domenica 21 ottobre i cittadini del Verbano-Cusio-Ossola sono chiamati a votare per esprimere la loro opinione sul distacco della provincia dal Piemonte

Foto di repertorio

Domenica 21 ottobre in provincia di Verbania si vota per il referendum consultativo che chiede agli elettori del Vco se intendono restare in Piemonte o diventare, invece, lombardi.

Urne aperte, quindi, nei 76 comuni della provincia, dalle 7 alle 23, mentre le operazioni di scrutinio inizieranno subito dopo la chiusura dei seggi e l'accertamento del numero dei votanti. I cittadini del Verbano-Cusio-Ossola sono chiamati a votare per esprimere la loro opinione sul distacco della provincia dal Piemonte e la sua aggregazione alla Lombardia. Gli elettori sono circa 140mila.

Il testo del referendum e la scheda

Il quesito referendario sarà: "Volete che il territorio della Provincia del Verbano Cusio Ossola sia separato dalla Regione Piemonte per entrare a far parte integrante della Regione Lombardia?".

referendum vco lombardia-2

Per essere valido, al referendum popolare deve partecipare la metà più uno degli aventi diritto. In questo caso, inoltre, per la vittoria del sì è necessario il voto favorevole della metà più uno degli elettori.

Treni scontati e tariffe speciali per gli elettori

Come si è arrivati al voto del 21 ottobre

E' la prima volta in Italia che si vota per il passaggio di un'intera provincia da una regione all'altra. Il referendum è stato voluto dal comitato promotore "Diamoci un taglio", presieduto dall'ex senatore Valter Zanetta, passato da Forza Italia alla Lega. L'iniziativa è cominciata con una raccolta firme che ha superato quota 5mila e che si è conclusa a febbraio di quest'anno. L'11 luglio 2018 l'ufficio centrale per il referendum presso la Corte di Cassazione ha dichiarato la leggitimità della richiesta e nella seduta dell'8 agosto il Consiglio dei Ministri ha deliberato l'indizione del referendum per domenica 21 ottobre.

Il Vco

La provincia del Verbano-Cusio-Ossola è una provincia abbastanza recente: è stata costituita nel 1992, quando sono stati scorporati 77 comuni dalla provincia di Novara. Oggi conta circa 160mila abitanti e 76 comuni (nel 2016 i comuni di Seppiana e Viganelli si sono fusi nel comune di Borgomezzavalle). Il capoluogo è la città di Verbania.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Il Gruppo "Sì al VCO in Lombardia - Liberi e Lombardi" è a favore del referendum di Domenica 21 ottobre 2018 Il Gruppo "Sì al VCO in Lombardia" è un gruppo di liberi cittadini di vari comuni della nostra splendida Provincia che si sente in dovere di promuovere il SI' forte e convinto al referendum di domenica. I motivi non sono solo legati ai vantaggi economici già da molti elencati: risparmi sull'addizionale irpef regionale, risparmi sulla benzina nella fascia vicina al confine, asili nido gratuiti, tasse sull'automobile più economiche, migliori collegamenti col nuovo capoluogo Milano, tasse per pesca e caccia inferiori, arricchire le casse della nostra Provincia con 18 milioni di euro di canoni idrici, far parte di una Regione tra le meglio amministrate, ricche e prestigiose di tutta Europa senza calcolare poi la sanità ottima della Lombardia. Ma seppur in un periodo storico di difficoltà vogliamo ridurre tutto a una questione di soli vantaggi economici? Che faranno pure piacere, senza dubbio, ma crediamo che nella vita esista ben altro. Esistono le nostre Radici, la nostra Storia e il nostro grande passato hanno sempre guardato a Milano e ce lo dice il nostro dialetto o meglio la nostra lingua locale che è diretta figlia di quella milanese o lombarda occidentale. Ce lo dice la nostra Storia legata alle vicende del popolo celtico degli Insubri (l'Insubria era quel territorio che aveva a nord le alpi, a sud l'appennino ed era racchiuso tra il Sesia e l'Adda, abitato dai celti Insubri) e legato poi sempre alle vicende del Ducato di Milano. Possono forse i filopiemontesi cancellare tutto questo? Possono cancellare la realtà che la nostra gente guarda a Milano come unico riferimento per il lavoro, lo studio e i collegamenti ferroviari e autostradali portano naturalmente verso Milano. Si puo' cancellare tutto questo per ordini di partito (di sinistra) o per "fantomatici" legami con una torino che non è lontana solo fisicamente e geograficamente ma è lontana, anzi lontanissima, anzitutto nei nostri cuori e nelle nostre menti. Questo referendum popolare è un'occasione storica e forse irripetibile, in questa Europa di oggi così lontana dalla gente, per ribadire direttamente la volontà di un Popolo, il nostro Popolo del Verbano del Cusio e dell'Ossola di ritornare alla madre Patria naturale: la Lombardia. Quelli del NO fanno leva su paure, ricatti o peggio minacce. Noi del SI' guardiamo al cuore della nostra gente e siamo certi che l'istinto della nostra identità non potrà sbagliare. Nel VCO anche le pietre parlano Lombardo! invitiamo tutti a votare un convinto e libero SI'. Gruppo "Sì al VCO in Lombardia - Liberi e Lombardi"

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente a Novara: schianto in tangenziale, due feriti

  • Cronaca

    Spara per errore, 74enne si ferisce con il suo fucile

  • Sport

    Novara Olbia 4-0: Strepitoso Novara

  • Verbano Cusio Ossola

    Incidente a Verbania: giovane investito da un'auto mentre attraversa la strada

I più letti della settimana

  • Mortale di San Pietro, Claudio Centrella esperto di evoluzioni in moto muore su uno scooter

  • Si schianta contro un rimorchio, morto motociclista di 27 anni

  • Incidente a Caltignaga, schianto al semaforo: coinvolte un'ambulanza e due auto

  • Incendio a Novara, fumo e fiamme dal centro commerciale San Martino

  • Incidente sul lavoro a Novara: operaio cade in un tombino e muore

  • Incidente sul lavoro, si sporge in un tombino per leggere un contatore e muore: così ha perso la vita Roberto Biscaldi

Torna su
NovaraToday è in caricamento