Trecate: la maggioranza diserta il Consiglio, e la minoranza risponde

Nella giornata di ieri, giovedì 19 luglio, si sarebbe dovuta svolgere l'assemblea comunale per discutere su una mozione presentata dai consiglieri di minoranza. Per loro, "La sconfitta è di tutta Trecate"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

Ieri mattina, giovedì 19 luglio, si sarebbe dovuto svolgere il Consiglio comunale di Trecate convocato per discutere sulla mozione da noi presentata a seguito dei gravissimi fatti di cronaca che hanno interessato Trecate e l’Ovest Ticino più in generale.

Nessuno dei laboratori tessili, gestiti da cinesi, controllati durante l’"Operazione Dragone" era esente da irregolarità, con condizioni di lavoro  intollerabili, culminate nella scoperta di lavoratori clandestini e persino di una famiglia chiusa dall’esterno in uno stanzino senza finestre. Il contrasto del lavoro nero richiederebbe una risposta immediata e unanime; la lotta alla clandestinità dovrebbe essere un valore condiviso da tutti, in tutela non solo dei cittadini italiani ma anche di tutti i residenti extracomunitari regolari; un bambino segregato in una stanza di 10 metri quadri esigerebbe uno sdegno senza giustificazioni e una risposta forte.

A Trecate, invece, l’appartenenza politica di parte ha vinto di nuovo sul buonsenso che tutti dovremmo avere come cittadini: e la sconfitta non è solo dei consiglieri comunali di maggioranza e dell’intera Giunta di Sinistra, che hanno disertato in massa il Consiglio comunale impedendone lo svolgimento, rifiutando il confronto e impedendo il dialogo su temi che, fino a ieri, credevamo condivisi da tutti. La sconfitta è di tutta Trecate, di quella Comunità che l’amministrazione continua a non amministrare se non con logiche di parte, che male si addicono all’interesse generale della collettività.

Ieri l’amministrazione avrebbe potuto scegliere di attivare controlli incrociati con l’Asl e l’Agenzia delle Entrate per scoprire irregolarità, verificare le residenze. Si sarebbe potuto fare molto con un piccolo sforzo, ma non si è voluto.

Qualche mese fa ci chiedevamo - ironicamente - se questa maggioranza avesse preso lezioni sul rispetto per le istituzioni e la democrazia in Cina o a Cuba. Oggi abbiamo la risposta.

Andrea Crivelli
Federico Binatti
Giorgio Capoccia
Tiziano Casellino

I più letti
Torna su
NovaraToday è in caricamento