Influenza, al via il piano del Maggiore per evitare i sovraffollamenti

Più medici e infermieri, e maggior numero di box di visita per i pazienti e di posti letto. Le azioni dell'ospedale per fronteggiare eventuali epidemie

Foto di repertorio

Anche quest’anno l’azienda ospedaliero-universitaria di Novara si sta organizzando per affrontare al meglio la possibile epidemia influenzale e gli eventuali sovraffollamenti, in particolare al pronto soccorso, che potrebbero determinare disagi e difficoltà.

L'ospedale Maggiora ha infatti predisposto il piano gestione del sovraffollamento che affronta il problema dell’aumento di accesso di utenti in pronto soccorso, dovuto anche al picco influenzale e la possibile e conseguente carenza di posti letto. Il piano prende in considerazione una serie di provvedimenti a cascata già opportunamente definiti per affrontare il sovraffollamento come ad esempio un aumento di medici, infermieri, implementazione dei box di visita per i pazienti con codici bianchi, convoglio delle barelle e carrozzine dagli altri reparti verso il pronto soccorso.

La pianificazione per garantire la sufficiente disponibilità di posti letto ha invece portato all'ampliamento della disponibilità nelle sedi ospedaliere e alla collaborazione sempre più efficiente con il territorio e altre strutture esterne che garantiscono il trasferimento rapido di pazienti una volta risoltasi la fase acuta. Inoltre, il personale sanitario dipendente dell’azienda ospedaliero-universitaria di Novara si è impegnato a vaccinarsi contro l’influenza, per tutelare la propria salute e per ridurre il rischio di infezioni nosocomiali, e a consegnare ai pazienti in dimissione un’informativa alla popolazione per la prevenzione dell’influenza.

In ogni caso l’ospedale raccomanda di vaccinarsi, di porre la massima attenzione a non diffondere l’epidemia e di limitare, almeno per i mesi invernali, l’accesso al pronto soccorso per le sole urgenze. Prima di rivolgersi all’ospedale, fanno sapere dal Maggiore, vanno infatti adottate misure di buon senso: non stringere le mani di altri dopo aver starnutito (a costo di sembrare maleducati...), lavarsi con cura le mani, mettersi a letto ai primi sintomi, non trascurare il periodo di convalescenza. In questo modo si ridurrà il rischio di contrarre l’influenza e la possibilità di contagio agli altri, soprattutto persone maggiormente suscettibili a essere infettate e predisposte a gravi complicanze (anziani, pazienti immuno-compromessi, neonati) o che, per motivi di salute, non possono essere sottoposti a vaccinazione.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente a Gozzano, schianto tra due auto: tre feriti tra cui un ragazzino di 15 anni

  • Verbano Cusio Ossola

    Litiga con il vicino e perde la testa: 67enne denunciato per minacce e lesioni

  • Sport

    Risultato storico per la Igor: le azzurre in semifinale di Champions League

  • Cronaca

    Fiamme nel parco del Ticino a Trecate: a fuoco i rifiuti abbandonati

I più letti della settimana

  • Verbania, si sente male e muore a soli 22 anni

  • Bellinzago, schianto sulla pista da motocross: 23enne gravissimo in ospedale

  • Schianto mortale nel piacentino: perde la vita un centauro novarese

  • All'outlet di Vicolungo apre "Antonino: Il Banco di Cannavacciuolo"

  • Novara, picchia e tenta di accoltellare il padre

  • Novara: entra a casa della ex, lei chiama la polizia ma lui le strappa il telefono

Torna su
NovaraToday è in caricamento