L'Upo capofila di un progetto internazionale sui processi di integrazione

È stato presentato oggi a Vercelli "Primed – Prevenzione e Interazione nello Spazio Trans-Mediterraneo"

È stato presentato martedì 5 febbraio il progetto internazionale "Primed - Prevenzione e Interazione nello Spazio Trans-Mediterraneo", di cui l’Università del Piemonte Orientale è soggetto capofila.

Presso la sala conferenze del Rettorato a Vercelli, il rettore professor Gian Carlo Avanzi, i due delegati per i rapporti internazionali professor Gianluca Gaidano e professor Edoardo Tortarolo, il direttore scientifico del progetto professor Roberto Mazzola e la professoressa Roberta Ricucci, associata di Sociologia dei processi culturali e comunicativi dell’Università di Torino, hanno illustrato i dettagli dell’iniziativa a una platea di autorità e organi di informazione.

Il progetto Primed è di durata triennale, è finanziato dal Miur per 850mila euro per il primo anno e 2 milioni in totale per il secondo e terzo anno, e coinvolge 22 università, di cui 12 italiane e 10 straniere, in particolare atenei di Egitto, Marocco, Tunisia, Libano, Algeria, Ciad e Niger.

L’obiettivo è affrontare in modo interdisciplinare i bisogni conoscitivi e operativi connessi ai processi d’integrazione in Italia e al contrasto alla radicalizzazione; in particolare attorno a tre assi: la cooperazione scientifica tra Italia e Paesi Oci (Organizzazione per la Cooperazione Islamica) sui temi dell’integrazione e della radicalizzazione tramite la costituzione di una rete interuniversitaria di studenti, ricercatori e docenti; la formazione dei protagonisti delle politiche di integrazione e del contrasto alla radicalizzazione, ovvero enti territoriali, Prefetture, amministrazione penitenziaria, pubblica sicurezza, scuola, strutture socio-sanitarie, operatori economici; la formazione di dirigenti e personale religioso per l’integrazione delle loro funzioni in Italia.

Più in dettaglio il progetto prevede la realizzazione di diverse iniziative: una summer school su "Integrazione, interpretazione e diritti" dedicata a 20 studenti degli atenei italiani partner; una winter school sul tema della radicalizzazione e del proselitismo jihadista dedicata a dirigenti del sistema penitenziario italiano e dei paesi Oci (nello specifico 10 italiani e 10 marocchini); la riattivazione del Master di I livello in Studi sull’Islam d’Europa, realizzato nell’ambito del Fidr, dedicato alla formazione civica e religiosa per il personale delle comunità musulmane e delle associazioni della società civile i cui membri provengano dai paesi Oci; corsi di alta formazione dedicati a operatori della pubblica amministrazione, operatori socio-sanitari, operatori della pubblica sicurezza e agenti di polizia penitenziaria, dirigenti scolastici e insegnanti, operatori socio-economici, personale religioso; un ciclo di 4 corsi congiunti sul tema dell’integrazione nella didattica ordinaria at home and abroad; viaggi di studio verso paesi Oci (in particolare a Beirut per 20 studenti italiani) e verso l’Italia (in particolare a Roma, per 20 studenti degli altri atenei italiani partner e 20 delle università stranieri partner); viaggi per docenti in qualità di visiting professors.

"Il Primed - ha spiegato il prof. Mazzola - da un lato vuole incrementare la mobilità accademica di studenti e docenti, dando quindi un contributo all’internazionalizzazione dell’Upo, dall’altro ha l’obiettivo di rafforzare il ruolo degli atenei italiani nel contesto della ricerca internazionale, promuovere la formazione superiore, ma soprattutto costruire linguaggi e metodi comuni e integrare competenze".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La diffusione dei risultati - ha concluso la prof.ssa Ricucci - avverrà sia attraverso una dedicata piattaforma web, sia attraverso 4 workshop dedicati a: Strumenti teorici e pratici per la comunicazione interculturale; Diritti universali, ruolo attori religiosi e società civile; Normative e policies anti-radicalizzazione; Giurisprudenza, integrazione e radicalizzazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro fra auto e motocicletta: morto un centauro novarese

  • Incidente in tangenziale a Novara: motociclista finisce contro il guard rail

  • Stresa, si masturba davanti ai passanti: 26enne denunciato dai carabinieri

  • Incidente a Oleggio, ciclista investito da un'auto

  • Vco, si ribalta e rimane incastrata fra le lamiere dell’auto: persona ricoverata

  • Incidente a Casalino: schianto tra due auto sulla provinciale: tre feriti

Torna su
NovaraToday è in caricamento