Dagli Stati Uniti a Novara per insegnare inglese

Sarai Ortega è una ragazza americana che affiancherà fino a dicembre i docenti dell'istituto cmprensivo Duca d'Aosta per potenziare l'apprendimento della lingua inglese degli studenti

Sarai Ortega (nella foto, a sinistra)

La 30enne Sarai Ortega, ragazza americana del South Carolina, assisterà i docenti dell’istituto comprensivo Duca d’Aosta di Novara fino al mese di dicembre. Sono arrivati a settembre i 20 ragazzi stranieri che hanno preso parte al Teacher Assistant Program promosso da Wep - l’organizzazione internazionale di scambi culturali e linguistici nel mondo - e dall’Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte, che ha coinvolto in cinque anni più di 14mila studenti e circa 200 istituzioni scolastiche in Italia.

Il progetto è volto a potenziare il livello di apprendimento in classe delle lingue straniere nelle scuole. I teachers, che supportano i docenti durante l’orario scolastico, offrono agli alunni l’opportunità di entrare in contatto con un diverso approccio all’insegnamento e di conoscere in modo diretto curiosità e particolarità del paese straniero di cui studiano la lingua. Il programma, della durata di tre mesi, è rivolto alle scuole primarie, secondarie di primo e di secondo grado.

Grazie al programma, ragazzi che provengono da tanti paesi sparsi nel mondo vengono inseriti nelle scuole per affiancare, per un periodo di dodici settimane, gli insegnanti di lingua ed eventuali altri colleghi durante le lezioni. A questo proposito, Sarai sul nostro Paese: "Sapevo ben poco del sistema scolastico italiano prima del mio arrivo qua. Da quello che ho visto finora è molto diverso dalle scuole americane. Gli studenti italiani sono molto desiderosi di praticare e migliorare le loro abilità nella lingua inglese. Per quel che riguarda l'Italia, sapevo che gli italiani erano schietti e molto diretti e che erano anche molto accoglienti con gli estranei. Questo è quello che ho visto finora!"

L’iniziativa, collocata nell’ambito delle "Linee di indirizzo sulla mobilità studentesca giovanile", permette di far convergere esigenze didattiche e organizzative senza costi aggiuntivi per le istituzioni scolastiche. Una grande occasione per gli alunni dell’istituto comprensivo Duca d’Aosta di perfezionare lo studio della lingua inglese attraverso un metodo particolarmente coinvolgente anche per la teacher stessa: "Da
adolescente, quando avevo quattordici anni, ero una studentessa straniera. Ho anche fatto volontariato in passato con varie organizzazioni, e questa è la prima volta che insegno in un altro paese. Non vedo l’ora di conoscere meglio la lingua italiana, la cucina e il sistema scolastico!".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Teacher Assistant è partito come progetto "pilota" nel settembre 2013, con l’arrivo dei primi giovani assistenti. La collaborazione tra un'organizzazione privata e un'istituzione pubblica, insieme alla gratuità del progetto, è risultata vincente. I giovani insegnanti, di madrelingua inglese, francese, tedesca e cinese, sono selezionati da Wep, mentre le scuole provvedono ad organizzare l’ospitalità in famiglia dei teachers.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro fra auto e motocicletta: morto un centauro novarese

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: dal 10 luglio niente più distanziamento su treni e bus

  • Incidente in tangenziale a Novara: motociclista finisce contro il guard rail

  • Stresa, si masturba davanti ai passanti: 26enne denunciato dai carabinieri

  • Incidente a Oleggio, ciclista investito da un'auto

  • Vco, si ribalta e rimane incastrata fra le lamiere dell’auto: persona ricoverata

Torna su
NovaraToday è in caricamento