Guida Blu 2014, Orta San Giulio premiata con le quattro vele

Legambiente e Touring Club Italiano hanno assegnato a Orta San Giulio uno dei più importanti riconoscimenti per la qualità ambientale, la tutela e l'impegno per la conservazione dei laghi in Italia

Tra le località lacustri selezionate da Legambiente e Touring Club Italiano per la Guida Blu 2014 c’è anche Orta San Giulio, sul lago d’Orta, che ha guadagnato le quattro vele blu. Questo è uno dei più importanti riconoscimenti per la qualità ambientale, la tutela e l'impegno per la conservazione dei laghi in Italia. Lo scorso 13 giugno, infatti, nella bellissima cornice di Roma, è stata presentata dall’associazione del cigno verde la classifica delle località balneari di Guida Blu 2014.
 

Guida Blu che non ha voluto trascurare, però, gli amanti dei laghi: a loro, infatti, ha riservato una sezione altrettanto dettagliata all’interno della guida. Il Piemonte non è stato certo a guardare con ben 18 località lacustri selezionate: i laghi di Avigliana che hanno guadagnato le cinque vele, Candia Canavese, Chiaverano e Orta San Giulio con 4 vele, Viverone con 3 vele e Ivrea sul lago di Sirio con 2 vele. Nel comprensorio del Lago Maggiore, invece, sono state assegnate 4 vele a Cannero Riviera e Cannobio, 3 vele a Baveno, Belgirate, Ghiffa, Lesa, Oggebbio, Stresa e Verbania, e 2 vele ad Arona, Meina e Dormelletto.
 

“In Piemonte le zone lacustri rappresentano una risorsa fondamentale sia per gli ecosistemi sia dal punto di vista ricreativo ed economico – afferma molto soddisfatto Fabio Dovana, presidente Legambiente Piemonte e Valle d'Aosta. La bellezza dei numerosi laghi del Piemonte può essere di grande attrazione, ma anche un volano per lo sviluppo locale. Per questo è importante che venga valorizzato un turismo rispettoso della fragilità di questi ecosistemi, in armonia con le bellezze naturali e paesaggistiche e che accompagni i turisti alla scoperta di luoghi, tradizioni, eccellenze enogastronomiche che nulla hanno da invidiare alle più famose località marittime”.
 

E' una Guida Blu totalmente rinnovata quella di quest’anno per raccontare al meglio le località costiere e lacustri italiane che hanno saputo coniugare turismo e sostenibilità. La grande novità di questa XIV edizione è l’accorpamento delle località e dei comuni costieri in 35 comprensori turistici, ovvero in aree geografiche che tengono conto di un’offerta turistica omogenea e meno dei confini amministrativi. Ogni comprensorio si apre con un’intervista ad un personaggio del mondo associativo, della cultura o dello spettacolo che vive o conosce quel territorio e che prende per mano il lettore per condividere i propri segreti. Altra novità importante: per ogni zona balneare si segnala un circuito di visita nell'entroterra, alla scoperta di località come le Bandiere arancioni, il marchio di qualità del Touring che seleziona e certifica le località d’eccellenza dell’entroterra con meno di 15.000 abitanti. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
NovaraToday è in caricamento