Ad Arona i 1000 della Bike Night Milano-lago

Sono arrivati da tutta Italia per restare svegli e pedalare: oltre 900 persone hanno illuminato la notte da piazza Duca d’Aosta a Milano ad Arona.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

La 4a edizione della Bike Night Milano – Lago Maggiore, la pedalata notturna di 100km, ha tenuto svegli quasi mille ciclisti, record della manifestazione. La se-conda tappa del tour 2019 delle Bike Night ha portato la passione per la bici con il suo carico di storie nella notte tra sabato 29 e domenica 30 giugno. Dalle 20 è iniziata l’attesa in piazza Duca d’Aosta. Ora dopo ora sono arrivati i parteci-panti che hanno popolato la piazza di fronte alla stazione Centrale, presentandosi alla segreteria Witoor, organizzatrice delle Bike Night, per il ritiro del pacco iscrizione. Musica e atmosfera elettrizzante per la quarta edizione in città di uno degli eventi ciclistici più in-novativi e genuini, in grado di radunare appassionati da tutta Italia. Ad animare la piazza anche il van giallo di Selle Royal, che ha offerto caffè (oltre seicento) e checkup bici gra-tis a tutti gli iscritti. Dalle 23.30 è iniziato l’incolonnamento dei ciclisti per la partenza. Poi il conto alla rove-scia fino a mezzanotte, quando i partecipanti, di tutti i tipi, sono partiti scortati dalla Poli-zia Municipale fino a Porta Genova. Spettacolare la sosta in piazza Duomo dopo mezzanotte, insolitamente piena di ciclisti, per un percorso che è passato anche da San Babila, via Torino, le colonne di San Lorenzo e Porta Ticinese, per una Milano così piena di bici, a quell’ora, come solo una volta all’anno può capitare. Poi il programma della Bike Night prevedeva un percorso cicloturistico lungo l’Alzaia del Naviglio Grande e il Ticino, tre ristori e la colazione in piazza ad Arona. Il gruppo è sempre stato scortato dall’assistenza meccanica di Witoor. Tante storie che si sono mescolate durante la notte, in un filo luminoso che si è via via sgranato strada facendo. Ogni ristoro il momento per rifare pieno di energie: a Palazzo Stampa ad Abbiategrasso, dopo 22km, grazie all’Antica Posteria Invernizzi, al Bellavita, a Turbigo, dopo 50 km, e a Somma Lombardo, alla Canottieri 6 all’altezza della Diga del Panperduto al 70° km. Il fascino del pedalare al buio, un clima davvero estivo con il cielo stellato, il sentirsi parte di un evento unico nel suo genere ha dato la carica a tutti i partecipanti per superare le tante ore in sella e i 90km effettivi. Con l’arrivare dell’alba gli oltre 900 ciclisti hanno ritrovato le energie necessarie per lo sprint finale, prima del meritato riposo ad Arona, con la colazione offerta da Strobino in piazza del Popolo. I primi arrivi dalle ore 4, gli ultimi intorno alle 8. La gioia di aver costruito un ricordo memorabile, la scoperta di nuovi limiti personali, la sorpresa di vivere territori in modo nuovo: tante sensazioni che si sono mescolate e creano il mix unico tipico delle Bike Night. L’unico evento che raduna insieme bici da corsa, gravel, mtb, tandem, e-bike, bici reclinabili. Alta la presenza femminile, oltre il 25%. Hanno partecipato con successo anche persone con disabilità visiva (in tandem) o motoria. «È anche grazie alla Bike Night che si promuove il territorio, in modo partecipativo e innovativo», commenta Simone Dovigo, presidente Witoor, «offrendo un viaggio da ricordare e raccontare agli altri, ed è proprio l’intreccio di storie, emozioni e tipologie diverse di partecipanti l’impatto più significativo della Bike Night Witoor». Il Tour 2019 prosegue sabato 13 luglio con la prima tappa umbra in assoluto da As-sisi a Norcia, e sabato 27 luglio con la Udine – Alpe Adria (Ugovizza). Sabato 14 set-tembre si va sulle Alpi con Bolzano – Villabassa, la chiusura del tour è prevista per sabato 21 settembre tra Veneto e Trentino con la Verona – Lago di Garda (Riva).

Torna su
NovaraToday è in caricamento