Igor Volley, in Champions League è caccia al primato

Durante la partita contro Lodz Massimo Barbolini sarà premiato come miglior allenatore europeo 2019

Una vittoria per assicurarsi il primo posto del girone. Questo l'obiettivo della Igor Volley che questa sera, martedì 18 febbraio, attende alle 20.30 al PalaIgor le polacche di Lodz per l'ultima sfida della prima fase di Champoions League. In caso di sconfitta le Azzurre dovranno attendere i risultati dagli altri campi e passare lo stesso come prime  in caso di contemporanea sconfitta senza punti di Stoccarda o come una delle tre migliori seconde, in caso di vittoria di Stoccarda e di sconfitta di Nantes contro Conegliano.

Il sorteggio poi per la fase successiva, i quarti di finale, sarà giovedì 20 in Lussemburgo, presso il quartier generale della CEV. 

Non fa calcoli, giustamente, il direttore generale azzurro, Enrico Marchioni: “Per noi è una partita fondamentale: ci serve una vittoria per vincere il girone e accedere da testa di serie al sorteggio per i quarti di finale e sebbene siamo consapevoli che dai quarti in poi non vi siano più sfide “agevoli” in Champions League, sappiamo anche che ciò ci consentirebbe di evitare le superfavorite come Conegliano, Vakifbank ed Eczacibasi e, soprattutto, di poter disputare il match di ritorno in casa. Lodz all’andata ci ha messe in grande difficoltà, mi aspetto una reazione dopo la sconfitta di ieri e una grande prestazione della squadra”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus: in Piemonte 29 nuovi decessi, 38 pazienti guariti e altri 144 “in via di guarigione”: i casi totali sono 7.228

  • Coronavirus, 6.708 casi in Piemonte: 46 nuovi decessi e 32 persone guarite

  • "I malati di coronavirus potrebbero essere curati a casa, ma non ci sono i farmaci". Il racconto di un medico di base novarese

Torna su
NovaraToday è in caricamento