Verbano Cusio OssolaToday

Riapre la Statale del Lago Maggiore, dopo la frana si circola a fasce orarie

Da giovedì 29 novembre il transito lungo il tratto della Ss34 tra Cannobio e Cannero sarà consentito a senso unico alternato

La frana caduta sul tratto di Statale lo scorso 6 novembre

Riapre al traffico, anche se per il momento solo in alcune fasce orarie, la strada statale del Lago Maggiore, chiusa dal 6 novembre a causa dell'ennesima frana caduta nel tratto tra Cannobio e Cannero Riviera.

Secondo quanto reso noto da Anas, il tratto di Statale 34 sarà riaperto con le seguenti modalità: giovedì 29 novembre apertura nella fascia oraria dalle 13 alle 19, mentre a partire da venerdì 30 l'apertura al traffico avverrà nelle fasce orarie 5-8,30, 13,30-14,30 e 16,30-19. Il transito lungo il tratto della Ss34 tra Cannobio e Cannero sarà consentito a senso unico alternato, regolato da movieri. 

Proseguono, intanto, le attività di messa in sicurezza del versante in località Puncetta, nel comune di Cannobio. Nella prima fase dei lavori, riavviata martedì 20 novembre, è stato completato il disgaggio del materiale instabile nella nicchia di distacco. Successivamente sono state avviate le attività di perlustrazione, taglio della vegetazione e disgaggio della parete rocciosa in un’area del versante di circa 1500 metri quadrati. A completamento di questa fase ed in piena collaborazione con gli enti demandati al controllo è stata inoltre interamente rimossa la barriera paramassi danneggiata dalla frana del marzo 2017.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La riapertura per fasce orarie consentirà all’impresa incaricata di proseguire con le operazioni di messa in sicurezza della pendice. Durante le fasce orarie in cui si mantiene la chiusura al transito saranno infatti portate avanti le operazioni già programmate di rivestimento del versante tramite reti in aderenza ad elevata resistenza, la realizzazione degli ancoraggi, la rimozione di tutti materiali franati sul piano viabile ed in ultimo il ripristino della pavimentazione stradale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Incidente a Novara, auto si schianta contro un dehors in via Pontida

  • Incidente a Paruzzaro: schianto tra auto e camion, un ferito grave

  • Coronavirus, pronta una nuova ordinanza in Piemonte: niente più distanziamento sociale sui mezzi pubblici

  • Incidente mortale a Omegna: giovane perde la vita nello schianto tra un'auto e una moto

  • Batterio pericoloso: ritirato lotto di salmone prodotto a Borgolavezzaro

Torna su
NovaraToday è in caricamento