rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Animali

Gatto Balinese: origini, particolarità e abitudini del parente più famoso del Siamese

È la razza gemella del Siamese, ma ha caratteristiche che lo rendono unico: con il suo carattere vivace, il Balinese è uno dei gatti più socievoli e affettuosi

Vivace, allegro e adatto alla vita all’interno di una famiglia con bambini: il gatto Balinese è un felino intelligente che teme molto la solitudine. Proprio per queste caratteristiche è ideale in un contesto in cui gli vengono date le giuste attenzioni. Scopriamo tutto sul quattro zampe che conquista per il suo portamento e il suo carattere.

Le origini del gatto Balinese

Poco diffuso in Italia, il gatto Balinese è originario degli Stati Uniti, in particolare si è diffuso dopo la seconda guerra mondiale, ma è giunto in America intorno al 1800. Alcuni esemplari di Siamese, da cui questa razza deriva, furono importati dalla Thailandia. La loro peculiarità era quella di avere il pelo lungo. Infatti per evitare che la razza si alterasse veniva affidata alle famiglie che cercavano animali da compagnia.

Solo alla metà del ‘900 Marion Dorsey decise di far partecipare quello che era conosciuto come Siamese a pelo lungo a una mostra di allevatori. Molti però, ne contestarono il nome, che risultava troppo lungo: per questo motivo si decise di chiamarli Balinesi. Ma perché proprio questa scelta? La decisione non ricade sulle sue origini geografiche, ma sulle caratteristiche fisiche e sui movimenti sinuosi che spesso ricordano appunto le movenze delle ballerine Balinesi.

Selkirk Rex, l’adorabile e affettuoso gatto dallo splendido pelo riccio 

Un gatto con le stesse caratteristiche del Siamese

Il gatto Thai o Siamese originale è l’antenato del Balinese che conserva molte caratteristiche di questa razza in particolare quando si fa riferimento al corpo sinuoso con una struttura atletica e muscolosa, un profilo aristocratico e intensi occhi azzurri. Quello che realmente cambia è il mantello molto fine e medio lungo che non richiede grandi cure, eccetto spazzolarlo un paio di volte a settimana. La differenza principale sta nella coda che rispetto al Siamese é a pelo lungo.

Gatto delle sabbie: caratteristiche e abitudini alimentari 

Un carattere socievole

Il gatto Balinese è alla costante ricerca di contatto fisico, quindi non è adatto nei contesti in cui rimane spesso solo, perché si lega molto alle persone, fino ad arrivare ad essere geloso. Infatti, mentre tende ad affezionarsi a un particolare membro della famiglia, si dimostra diffidente nei confronti di chi non conosce.

Molto intelligente e curioso, è in grado di apprendere senza problemi quello che gli viene detto semplicemente osservando l’ambente circostante. Giocherellone e vivace, ama essere impegnato con giochi d’abilità e intelligenza. Un’altra particolarità che lo contraddistingue è quella di esprimere la sua volontà e i desideri attraverso la voce, tanto da essere considerato un chiacchierone.

Cure e alimentazione del gatto Balinese

Un po’ come succede per tutti i gatti, la sua alimentazione deve essere equilibrata e adeguata al dispendio energetico. Per quanto guarda le cure mediche soffre di alcune malattie genetiche tipiche del Siamese come la cardiomiopatia ipertrofica che coinvolge l’ispessimento del muscolo cardiaco. In generale, poi, è un esemplare che può subire gli sbalzi di temperatura. In generale se riceve le cure adeguate, un Balinese può vivere fino a 15-20 anni.

Articolo originale su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gatto Balinese: origini, particolarità e abitudini del parente più famoso del Siamese

NovaraToday è in caricamento