Coronavirsu, 500 chili di riso donati dai produttori risicoli del basso novarese

La donazione da destinare ai Comuni del territorio

Cinquecento chilogrammi di riso da destinare ai  Comuni  del  territorio  sono stati consegnati questa mattina nella sede di  Gattico  del  Coordinamento Territoriale del Volontariato di Protezione Civile
di Novara .

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questo gesto generoso - spiega il consigliere delegato alla  Protezione civile  della  Provincia di Novara  Andrea Bricco  - è stato voluto dai produttori risicoli del  Basso Novarese  che appartengono
alla Società agricola risicultori di  Razza del’Area77 . Il mondo dei risicoltori locali si è dimostrato particolarmente sensibile in questo momento di  emergenza . A tutti loro va il ringraziamento dell'Amministrazione provinciale"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, da lunedì 26 ottobre a Novara (di nuovo) niente più visite e ricoveri non urgenti

  • Coronavirus, coprifuoco in Piemonte dalle 23 alle 5: la nuova autocertificazione

  • Cambio dell'ora, torna quella solare: si dorme un'ora in più

  • Coronavirus, in Piemonte tamponi rapidi a pagamento anche per i privati cittadini

  • Coronavirus, troppi ricoveri a Novara: riapre un reparto covid al Maggiore

  • Coronavirus, da lunedì anche in Piemonte coprifuoco dalle 23 alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento