Domenica, 25 Luglio 2021
Attualità

Coronavirus: due giorni in zona gialla, poi si torna in arancione: tutte le regole per i prossimi giorni

Bar e ristoranti aperti due giorni, centri commerciali chiusi nel primo week end di saldi

Due giorni in zona gialla, poi fine settimana in arancione e da lunedì, se non ci saranno variazioni nel numero dei contagi in Piemonte, di nuovo zona gialla.

É questo il calendario per i prossimi giorni secondo il  il nuovo decreto approvato dal Consiglio dei ministri nella notte tra lunedì 4 e martedì 5 gennaio. Si tratta quindi di zona gialla, ma "rafforzata" con il divieto di uscire dalla propria regione, nei giorni feriali e zona arancione nei festivi e prefestivi, almeno fino al 15 gennaio, giorno in cui sarà emesso un nuovo provvedimento.

7 e 8 zona gialla: cosa si può fare

"Nell’area gialla è consentito spostarsi (anche al di fuori del proprio comune di residenza) dalle 5 alle 22 senza necessità di motivare lo spostamento. Dalle 22 alle 5 sono vietati tutti gli spostamenti, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute" si legge nelle Faq del Governo. Non sarà possibile però uscire dalla regione, proprio per la nuova zona gialla "rafforzata".

Saldi invernali 2021, in Piemonte si parte il 7 gennaio

Il 7 e 8 gennaio potranno riaprire bar, ristoranti, pasticcerie e gelaterie, ma solo fino alle 18. Sarà possibile la vendita da asporto, dalle 5 alle 22, e le consegne a domicilio senza limitazioni di orari. 

Rimarranno aperti i negozi e gli esercizi commerciali, senza alcuna limitazione.

Fine settimana in zona arancione: chiudono bar e ristoranti

Il 9 e il 10 gennaio invece si passa in zona arancione. "Gli spostamenti verso Comuni diversi da quello in cui si abita sono vietati, salvo che per specifiche esigenze o necessità" si legge nelle Faq. Si precisa poi però che "Fare la spesa rientra sempre fra le cause giustificative degli spostamenti" anche in comune diverso, se necessario. Rimane anche il coprifuoco, dalle 22 alle 5. Chi abita in comuni con meno di 5mila abitanti invece potrà spostarsi in altri comuni fino a 30 km di distanza.

Cosa è consentito fare in zona arancione: le regole

Saranno invece chiusi al pubblico bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, che possono però continuare a effettuare esclusivamente servizi d'asporto (fino alle 22) e a domicilio. Permane, di conseguenza, anche il divieto di consumare cibo e bevande nelle adiacenze dei locali.

Rimarranno aperti i negozi, ma chiusi i centri commerciali nel fine settimana. "Non sono previste limitazioni alle categorie di beni vendibili. Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all'interno dei centri commerciali e dei mercati, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole".

É consentito praticare sport e passeggiate all'aria aperta senza vincoli, se non quello del coprifuoco dalle 22 alle 5. Nessuna limitazione anche per l'accesso ai parchi pubblici, tranne specifiche limitazioni stabilite dal Comune. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus: due giorni in zona gialla, poi si torna in arancione: tutte le regole per i prossimi giorni

NovaraToday è in caricamento