Attualità

Novara, 90enne costretta a letto non sa se e quando riceverà il vaccino a domicilio: la storia

Il racconto della figlia, che ha fatto più volte richiesta

A più di 90 anni non ha ancora ricevuto il vaccino perchè non può muoversi.

La novarese Elena Zaco racconta il problema della madre, ultranovantenne, che è ancora stata vaccinata perchè il medico di base non fa vaccinazioni a domicilio e la signora non può muoversi. "Ho una mamma ultranovantenne a cui sto cercando di far fare il vaccino, ma abbiamo una complicazione - racconta la novarese - mamma ha rotto il femore due mesi fa, è allettata e non deambulante. Il medico di base non fa vaccinazioni a domicilio, ma ha inserito mamma nell'elenco richiedenti".

Da allora diverse email all'Asl, che però non sa fornire una data: "Mi è stato risposto che Asl e medici di famiglia lavorano su due differenti piattaforme. Il riversamento del dato da una all'altra non è in tempo reale, pertanto non sempre, per quanto riguarda la posizione dei vaccinandi a domicilio, riescono a visualizzarli". "Il fatto che il curante le abbia confermato la pre-adesione andata a buon fine significa che l'utente verrà certamente inserita nelle liste, appena queste verranno definite" scrive l'Asl.

"Mamma ha una badante 34enne non vaccinata - prosegue Elena Zaco -, io non sono vaccinata, il mio compagno non è vaccinato. E ogni giorno due su tre di noi abbiamo contatti diretti con lei. Ma al 15 aprile l'Asl mi dice che non esistono liste per i vaccinandi intrasportabili e pertanto non esiste una pianificazione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novara, 90enne costretta a letto non sa se e quando riceverà il vaccino a domicilio: la storia

NovaraToday è in caricamento