menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sit in

Il sit in

Ahmadreza Djalali, "Stanno per giustiziare un cittadino novarese"

Le parole del sindaco Canelli durante il sit in per chiedere la liberazione del ricercatore detenuto in Iran

"Ricordiamoci che stanno per giustiziare un cittadino novarese che ha sviluppato con il suo lavoro e la sua attività relazioni importanti con la nostra città".

Queste le parole del sindaco di Novara Alessandro Canelli a commento del sit in che si è svolto ieri, giovedì 26 novembre, davanti a Palazzo Cabrino, per chiedere di salvare dalla pena di morte Ahmadreza Djalali. L'altro ieri infatti è arravata la notizia del suo trasferimento in isolamento, in vista dell'esecuzione che dovrebbe essere imminente. Il ricercatore esperto di Medicina dei disastri e assistenza umanitaria, detenuto in Iran dal 2016 con l'accusa di essere una spia, ha lavorato a Novara all'Università del Piemonte Orientale e lo scorso anno ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Novara. 

"Chi di dovere si mobiliti nel più breve tempo possibile per risolvere la questione - ha detto Canelli - Grazie ad Amnesty per questo momento di mobilitazione e di solidarietà la cui eco speriamo possa arrivare a salvare Ahmad". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, a Novara apre un nuovo centro vaccinale

Attualità

Coronavirus, da oggi Novara e il Piemonte in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento