menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiutata la grazia a Ahmadreza Djalali, il ricercatore novarese condannato a morte in Iran

Le sue condizioni di salute sono peggiorate ancora

É stata rifiutata dal governo iraniano la grazia chiesta per Ahmadreza Djalali, il ricercatore che aveva lavorato a Novara detenuto da ormai 5 anni in un carcere in Iran.

L'avvocato ha fatto sapere alla famiglia, con cui il ricercatore non ha più contatti da novembre, che la richiesta di grazia è stata rifiutata e quindi rimane valida la condanna a morte. Djalali è stato spostato dall'isolamento ad una cella con altri detenuti, ma avrebbe perso ancora peso e le sue condizioni di salute sarebbero ulteriormente peggiorate.

Il medico, che ha vissuto e lavorato a Novara, doveva essere impiccato a novembre 2020, ma l'esecuzione è stata rimandata. La moglie Vida aveva annunciato che il giorno fissato era mercoledì 16 dicembre, ma è arrivata un'altra proroga. Il ricercatore iraniano-svedese è accusato di essere una spia del Mossad ed è stato arrestato cinque anni fa mentre si trovava a Teheran per una serie di conferenze. Per la condanna a morte "il tribunale si è basato su “confessioni” estorte con la tortura quando Djalali, arrestato nell’aprile 2016, era in isolamento senza avere accesso a un avvocato" spiega Amnesty International.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini, in Piemonte da oggi sarà possibile accedere al proprio "percorso vaccinale"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento