Attualità

Recuperata la barca ribaltata sul Lago Maggiore, al via le perizie: si indaga per omicidio colposo

Nell'incidente hanno perso la vita 4 persone. A bordo membri dei servizi segreti italiani e israeliani

É stata portata a riva l'imbarcazione naufragata lo scorso 28 maggio nelle acque tra Sesto Calende e Arona, all'altezza di Lisanza.

I carabinieri hanno portato a termine le operazioni di recupero della "Good... uria", interrotte più volte nei giorni scorsi a causa del maltempo. I sommozzatori dei vigili del fuoco e dei carabinieri dei nuclei di Milano e Torino avevano già portato in superficie la barca, affondata a circa 16 metri di profondità, sollevandola dal fondo con dei palloni e trainandola verso riva. Ora l'imbarcazione è a disposizione della procura di Busto Arsizio, che sta indagando sull'incidente.

Indagato lo skipper

Nelle scorse settimane era già stato iscritto nel registro degli indagati per naufragio e omicidio colposo Carlo Carminati, il proprietario della "Good...uria". Gli inquirenti stanno accertando se l'uomo, 53 anni, abbia rispettato tutte le norme di navigazione, tenuto conto di eventuali allerte meteo, e che la sicurezza dei passeggeri a bordo fosse garantita. 

Chi sono le vittime

Le vittime sono due uomini e due donne: si tratta di due cittadini italiani, un israeliano e una cittadina russa. Claudio Alonzi, 62 anni, e Tiziana Barnobi, 53 anni, erano due dipendenti dell'intelligence e si trovavano sulla barca per partecipare ad una festa di compleanno. Il 50enne israeliano era "un pensionato delle forze di sicurezza" ha fatto sapere il ministero degli Esteri a Gerusalemme. A bordo c'erano altri funzionari di stato israeliani. 

Oltre ai tre ospiti che partecipavano alla festa ha perso la vita anche Anya Bozhkova, 50 anni, russa, compagna dello skipper Claudio Carminati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Recuperata la barca ribaltata sul Lago Maggiore, al via le perizie: si indaga per omicidio colposo
NovaraToday è in caricamento