Martedì, 22 Giugno 2021
Attualità

Coronavirus, a Novara tornano i Buoni Spesa

Chi può fare richiesta

Foto di repertorio

Buoni spesa per far fronte all’emergenza e proseguire nelle attività, promosse dal Comune di Novara, di sostegno alimentare.

Tra pochi giorni, sul sito del Comune di Novara, sarà nuovamente disponibile la piattaforma tramite la quale presentare la propria richiesta per ottenere i buoni, mediante la stessa procedura della primavera scorsa: registrazione al portale (se non si è già registrati), accesso alla sezione “buoni spesa”, compilazione dell’autocertificazione e successivo invio telematico. Ogni richiesta sarà seguita dall’ufficio Politiche Sociali e chi rientrerà nei requisiti previsti riceverà una mail di accettazione dall’Ufficio stesso.

“Questa seconda ondata – spiega l’assessore e vicesindaco Franco Caressa – ha riproposto in modo piuttosto pesante le difficoltà che stanno attraversando alcuni nuclei familiari della nostra città costretti a chiudere la propria attività, ma non solo. Anche dal primo lockdown, molte realtà hanno purtroppo ereditato importanti problematiche sul piano della liquidità; oggi più che mai, con la seconda ondata e con un sistema economico che, di fatto, ha subito un forte stallo, si stanno avvertendo. E crediamo che andrà avanti così anche per i prossimi mesi. Motivo per cui abbiamo ripreso con l’attività di sostegno alimentare per chi si trovasse in difficoltà da una parte con Caritas che continua ad occuparsi delle famiglie già in carico all’associazione, dall’altra con i buoni spesa per i quali abbiamo stabilito requisiti specifici”.


Potranno beneficare dei buoni spesa:

- lavoratori autonomi momentaneamente non in attività a causa del Covid

oppure

- lavoratori dipendenti momentaneamente in difficoltà a causa del Covid

oppure

- disoccupati per cessazione rapporto di lavoro a causa del Copvid

- assenza, all’interno del nucleo familiare,, di altri componenti occupati

- non assegnatari di sostegno pubblico

oppure

- assegnatari, in prima persona o attraverso altri membri della famiglia, di sostegni pubblici che, sommati tra loro, non superino le seguenti soglie:

·      700 euro per nuclei composti max da 2 componenti

·      1000 euro per nuclei composti da tre o più componenti

- con liquidità disponibile dell’intero nucleo non superiore a 5000 euro


I buoni, da 25 euro l’uno, saranno assegnati con le seguenti modalità:

- 75 euro per il primo e unico componente del nucleo familiare

- 50 euro per ogni successivo componente del nucleo familiare fino ad un massimo di 225 euro a famiglia

“L’iniziativa – conclude il sindaco Alessandro Canelli – sarà ripetuta nel tempo a seconda delle necessità che si presenteranno e dell’andamento del virus da cui dipende anche il trend del sistema economico e sociale della nostra città e non solo. Attendiamo anche i “ristori” che dovrebbero arrivare dal Governo e che sono finalizzati ad aiutare le famiglie: con questi fondi, oltre a quanto già messo in campo, verranno attivate anche iniziative, a cui stiamo già lavorando, di aiuto nel pagamento di affitti e utenze”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, a Novara tornano i Buoni Spesa

NovaraToday è in caricamento