Attualità

Capodanno in zona rossa: le regole per il Cenone e per gli spostamenti

Coprifuoco, spostamenti e rientro a casa: tutte le norme

Il Capodanno 2021 sarà in zona rossa.

Lo stabilisce il Decreto di Natale del 18 dicembre, che suddivide il periodo delle feste fino all'Epifania in base a "zone di rischio". Dal 31 dicembre, fino al 3 gennaio, ci sarà quindi la zona rossa: chiusi bar, ristoranti (che potranno effettuare consegne a domicilio e asporto) e negozi e ci si potrà spostare, anche all'interno del proprio comune, solo per comprovate esigenze lavorative, motivi di necessità o di salute. 

Il coprifuoco, proprio per la notte di Capodanno, è stato prolungato dalle 22 fino alle 7 del mattino, per scoraggiare cenoni affollati e feste in casa. Ecco tutte le regole per la sera del 31 dicembre.

calendario natale 2020-2

Sono consentiti i cenoni?

La risposta alla domanda è sì, ma con molte limitazioni: il decreto infatti prevede che "sarà possibile, una sola volta al giorno, spostarsi per fare visita a parenti o amici, anche verso altri Comuni, ma sempre e solo all’interno della stessa Regione, tra le 5 e le 22 e nel limite massimo di due persone. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono".

Questo significa che sarà possibile recarsi da amici e parenti per la cena, sempre e solo al massimo in due persone (esclusi minori di 14 anni e disabili), ma si dovrà rientrare a casa entro le 22. Per la notte tra il 31 dicembre e il 1° gennaio è inoltre previsto un coprifuoco "allungato" fino alle 7 del mattino: questo significa che tra le 22 e le 7 non ci si potrà spostare. 

Coronavirus, cosa è consentito fare in zona rossa

Valgono sempre, anche in casa, le regole del distanziamento, dell'utilizzo della mascherina quando non si sta mangiando e della disinfezione frequente delle mani, soprattutto per chi prepara il cibo. 

Posso uscire a Capodanno?

"All’interno dell’area rossa è vietato ogni spostamento, sia nello stesso comune che verso comuni limitrofi, ad eccezione degli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità (per esempio l’acquisto di beni necessari) o motivi di salute" si legge sul sito del Ministero. Fanno eccezione, nel periodo delle feste, gli spostamenti di due persone (con eventuali minori di 14 anni) per fare visita ad amici e parenti, ma sempre una sola volta al giorno e secondo i limiti del coprifuoco.

Torna l'autocertificazione: ecco il modulo

É sempre consentito il rientro a domicilio, ma "senza una valida ragione per uscire, è obbligatorio restare a casa, per il bene di tutti" è la precisazione. Ogni spostamente deve essere giustificato con un'autodichiarazione. Se non l'avete con voi saranno le forze dell'ordine a fornirla. 

Posso dormire da amici?

La risposta è sì, ma vale sempre il limite di massimo due persone conviventi (più eventuali figli minori di 14 anni). Molti hanno pensato a questa opzione, dato che tra le 22 del 31 dicembre e le 7 del 1° gennaio non si potrà uscire: le forze dell'ordine hanno già predisposto controlli supplementari per le strade per verificare che chi si sposta, in auto o a piedi, abbia delle valide ragioni di lavoro, necessità o salute. Ricordiamo però che è fortemente sconsigliato ricevere in casa persone non conviventi.

Ci saranno controlli nelle case?

No, i controlli nelle abitazioni non sono possibili. Se però ci fossero segnalazioni, da parte di vicini di casa ad esempio, di feste rumorose o affollate, in quel caso le forze dell'ordine potrebbero intervenire per verificare se le norme sono rispettate. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capodanno in zona rossa: le regole per il Cenone e per gli spostamenti

NovaraToday è in caricamento