Casa Alessia dona all'ospedale Maggiore di Novara macchinari per combattere il coronavirus

La onlus sta acquistando per il nosocomio pompe infusionali per un valore di circa 20mila euro, che saranno dedicate all'assistenza dei pazienti ricoverati per il Covid-19

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

L'associazione Casa Alessia onlus, attiva da 13 anni con progetti sociali in Italia e all'estero, non si sottrae alla gara di solidarietà per consentire all'Ospedale Maggiore di Novara di affrontare al meglio la complessa situazione sanitaria di questi giorni. «Abbiamo subito contattato Mario Minola, il direttore generale del nosocomio novarese – spiega Giovanni Mairati, presidente e papà di Alessia, la ragazza cui è dedicata la onlus – per capire quali fossero le urgenze. Ci sono stati richiesti macchinari particolari che noi, con la modalità che ci è solita, acquisteremo direttamente evitando così inutili passaggi e agendo in fretta, vista anche l'urgenza». La risposta del direttore generale non si è fatta attendere: «In considerazione dell'emergenza Coronavirus, in cui si trova coinvolta in prima linea l'Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si chiede la possibilità di acquisire delle apparecchiature da dedicare all'assistenza dei pazienti ricoverati in regime di isolamento a causa della infezione da Covid-19. In particolare Pompe infusionali volumetriche e Pompe a siringa». Si tratta di dispositivi elettronici da utilizzare per applicare la terapia endovenosa o enterale in modo preciso sia in termini di tempo sia di dose. Quelle volumetriche consentono di impostare il volume totale da somministrare, a differenza delle altre che lo rilevano in automatico e la somministrazione, se non interrotta prima, prosegue fino al termine del dato farmaco. «Ci hanno informati – spiega Giovanni Mairati - che le Pompe infusionali volumetriche hanno un costo di 1050 euro l'una, mentre quelle a siringa di 950 euro. Così abbiamo pensato di destinare la parte del 5x1000 che i nostri sostenitori hanno devoluto all'associazione e che non è stata impiegata nelle scorse settimane per un altro progetto che riguarda Novara, quello della dotazione di un'area giochi intitolata ad Alessia al Parco dei Bambini. Per ora siamo in grado di devolvere all'Ospedale Maggiore della Carità la cifra di 19450 euro. La raccolta fondi però prosegue. Chi vorrà partecipare a questa gara di solidarietà potrà farlo con una donazione a Casa Alessia che servirà ad acquistare ulteriori macchinari oltre a quelli già previsti, sul'IBAN: IT 97 M 05034 10109 0000000 11000 con causale: "Donazione pro Ospedale Maggiore di Novara"». Le donazioni sono detraibili come previsto dalle norme fiscali inerenti il terzo settore.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento