rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Attualità

Confermato lo sciopero dei benzinai di gennaio, chiusi anche i self-service

Rifornimenti a rischio per 48 ore, dalle 19 del 24 alla stessa ora del 26 gennaio

Confermato lo sciopero dei benzinai del 25 e 26 gennaio. Lo hanno comunicato le organizzazioni dei gestori Faib Confesercenti, Fegica, Figisc-Anisa Confcommercio al termine del tavolo al Ministero delle Imprese, valutando insoddisfacenti le proposte di mofica al testo del decreto sulla trasparenza dei prezzi.

L'unica concessione è quella di una riduzione dello stop, da 60 a 48 ore. Lo sciopero sarà in vigore dalle 19 del 24 alla stessa ora del 26 gennaio.

"Ci aspettavamo ben altro per revocare lo sciopero - ha commentato il presidente di Figisc-Confcommercio Bruno Bearzi -. C'è stato uno sforzo per ridurre le sanzioni, ma rimane l'obbligo del cartello; così il messaggio che rimane è che siamo una categoria da tenere sotto controllo perchè speculiamo. Lo sciopero è confermato, ma fino all'ultimo momento siamo disponibili a trovare margini di manovra".

Secondo le organizzazioni di categoria, infatti, l'obbligo della cartellonistica previsto con l'esposizione del prezzo medio previsto dal decreto Trasparenza penalizzerebbe i benzinai e sarebbe inutile per far abbassare i prezzi. 

Lo sciopero del 25 e 26 gennaio riguarderà anche anche gli impianti self-service, ma assicurerà i servizi minimi essenziali, secondo quanto comunicato dalle associazioni di categoria. Potrebbero restare aperti, però, gli impianti self gestiti direttamente dalle compagnie petrolifere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confermato lo sciopero dei benzinai di gennaio, chiusi anche i self-service

NovaraToday è in caricamento