Venerdì, 22 Ottobre 2021
Attualità Galliate

A Galliate arrivano le "Zone di controllo del vicinato"

Ufficializzato il progetto che prevede cartelli in diverse zone del comune per segnalare il Controllo del Vicinato

Il Controllo del Vicinato, già attivo a Galliate, sarà ora segnalato grazie ad appositi cartelli. Il sindaco Davide Ferrari ha infatti spiegato che i cartelli saranno apposti nelle zone dove il progetto è attivo. Ma che cos'è il Controllo del Vicinato?

Il Controllo del Vicinato

"Il progetto Controllo del Vicinato non presuppone atti eroici, non ha funzioni repressive, né, tantomeno, invita ad acciuffare il malvivente, è un progetto di prevenzione, per evitare che i reati si consumino". Questo è quello che si legge sul sito dell’Associazione Controllo del Vicinato (ACdV). In sostanza si tratta di privati cittadini che si auto organizzano insieme ai vicini di casa per controllare l’area intorno alla propria abitazione. Le zone controllate sono segnalate da appositi cartelli: i cittadini non intervengono mai, ma si limitano a segnalare alle forze dell'ordine fatti criminosi o eventi sospetti

"Un servizio innovativo"

Il sindaco Ferarari lo definisce "un servizio innovativo, che già funziona in moltissimi comuni d'Italia e che rappresenta un nuovo modo di coinvolgere i cittadini nel controllo del territorio e nella collaborazione con le forse dell'ordine. Ricordo che il Controllo del Vicinato attivo a Galliate è il primo in provincia ad essere regolato da una convenzione approvata dalla Prefettura e dal Ministero dell'Interno". 

Le polemiche

Sono in tanti però gli scettici a proposito di questo progetto. Gli organizzatori a livello nazionale specificano che non si tratta di ronde, ma di una rete di cittadini che segnala fatti sospetti alle forze dell'ordine. Indipendentemente dal Controllo del Vicinato però, tutti i cittadini sono tenuti a segnalare eventuali crimini o fatti sospetti: basta chiamare il 112.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Galliate arrivano le "Zone di controllo del vicinato"

NovaraToday è in caricamento