Attualità

Coronavirus, coprifuoco in Piemonte. Canelli: "Per i novaresi non cambierà molto rispetto alle norme precedenti"

"Il coprifuoco è un segnale, non cambierà molto rispetto al Dpcm e all'ordinanza regionale di chiusura alle 24" ha detto il sindaco

"Sarà una sorta di lockdown notturno come in Lombardia" ha detto in primo cittadino novarese Alessandro Canelli commentando il coprifuoco istituito su proposta del Ministro della Salute Speranza in Piemonte.

"Io penso che dal punto di vista sanitario non cambi molto, già c'erano Dpcm e ordinanza regionale in merito, con chiusure alle 24. Questo però dà un segnale a tutti che si sta prendendo una direzione, quella di chiudere sempre un po' di più". 

Vista l'aggravarsi della situazione ci saranno più servizi per le categorie fragili. "Da settimana prossima faremo come se ci fosse il lockdown - ha detto Canelli - daremo la possibilità alle categorie più fragili di potersi avvalere di quel servizio che avevamo attivato in primavera, portando loro a casa i generi di prima necessità di cui hanno bisogno. Poi ci sarà anche un servizio dedicato a chi è in isolamento domiciliare". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, coprifuoco in Piemonte. Canelli: "Per i novaresi non cambierà molto rispetto alle norme precedenti"

NovaraToday è in caricamento