Coronavirus, in Piemonte 5 milioni di mascherine ai cittadini per la ripartenza

Saranno finanziate con 6 milioni di euro grazie alle donazioni fatte alla Regione

Foto di repertorio

Cinque milioni di mascherine lavabili per i cittadini piemontesi per affrontare al meglio la futura "Fase 2" e ripartire in sicurezza.

La Giunta regionale ha infatti predisposto una modifica al bilancio per garantire la copertura economica necessaria all’acquisto delle mascherine da distribuire a tutta la cittadinanza. Lo ha comunicato la Regione in una nota stampa, sottolineando che è stato approvato nella mattinata di oggi, mercoledì 15 aprile, un provvedimento che verrà presentato domani, giovedì 16, ai capigruppo del Consiglio regionale, per destinare 6 milioni di euro per il 2020 all’acquisto e distribuzione di dispositivi di protezione per tutta la popolazione piemontese, attraverso una modifica della legge 14 sulla Protezione civile.

Coronavirus, in Piemonte raddoppiate le mascherine per i Comuni

Tutti i capigruppo hanno già espresso parere favorevole, fanno sapere dalla Regione, e nella mattinata di venerdì un'apposita commissione legislativa approverà in via definitiva l’intervento. Per la copertura delle risorse necessarie sarà utilizzata una parte delle donazioni ricevute dalla Regione Piemonte sul conto corrente attivato per l’emergenza sanitaria legata al coronavirus.

"Abbiamo pronto l’acquisto di 5 milioni di mascherine lavabili per tutti i piemontesi - spiega il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, insieme all’assessore alla Protezione civile Marco Gabusi e alla Sanità Luigi Icardi - Ad aggiudicarsi la gara realizzata attraverso Scr sono state tre aziende del Piemonte. Insieme a Poste italiane e alle associazioni che rappresentano gli enti locali stiamo definendo le modalità migliori per organizzare la distribuzione alle famiglie su tutto il territorio. Ringraziamo tutti i capigruppo del Consiglio regionale per la sensibilità dimostrata e la generosità di chi ci ha permesso con le proprie donazioni di coprire la spesa. Prima di rendere le mascherine obbligatorie era, infatti, fondamentale poterle garantire a tutti, ancor più in vista della fase di ripartenza".

Coronavirus, dal Piemonte un "vademecum" per la "Fase 2": le linee guida per far ripartire il Paese in sicurezza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Coronavirus, cinque decessi tra Novara e Borgomanero: i ricoverati in provincia sono 354

  • Coronavirus, ancora 7 decessi negli ospedali di Novara e Borgomanero

Torna su
NovaraToday è in caricamento