Coronavirus, fuori da un bar oleggese i Cassoni della solidarietà

Si può donare e si può ritirare, i cestini si riempiono e si svuotano

L'insegna fuori dal bar

Un "servizio" gratuito che sta dando i suoi bei frutti già da diversi giorni. Un bar di via Mazzini a Oleggio ha posizionato fuori dal locale, in questo momento chiuso per le restrizioni Covid, dei cestoni, i "Cassoni della solidarietà": i cittadini che lo desiderano possono lasciare materiale alimentre e non per tutte le persone che sono in difficoltà.

Particolarità dell'iniziativa: si fa tutto in silenzio, senza proclami, senza dover dare informazioni. "Chi può metta, chi non può prenda", recita così uno degli slogan che il gestore del bar ha affisso sulle pareti. Al momento i cittadini si sono dimostrati davvero sensibili, i cassoni si sono riempiti e si sono anche svuotati e  qualcuno ha lasciato prodotti anche nei giorni di Pasqua e Pasquetta garantendo così ai più bisognosi una certezza.

Il servizio naturalmente continua e i cassoni sono accessibili davvero a tutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Coronavirus, da domenica il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

  • Novara, aereo vola basso sulla città: ecco il perchè

  • Coronavirus, nuova ordinanza del ministro Speranza: il Piemonte passa in zona arancione

  • Bambino di 4 anni colpito al volto dal calcio di un cavallo

Torna su
NovaraToday è in caricamento