Sabato, 16 Ottobre 2021
Attualità

Coronavirus, Arpa Piemonte è in grado di rilevare il covid nell'aria: le concentrazioni più alte nelle case dei contagiati

Il virus non è rilevabile all'aperto, mentre in ambienti domestici si hanno concentrazioni più alte che nei reparti covid

Arpa Piemonte è in grado di determinare la concentrazione di SARS-CoV-2 nell'aria.

Ci sono voluti mesi per la messa a punto dei metodi di campionamento e per l'analisi dei campioni, ma ora Arpa è in grado di determinare la presenza del virus sia all'aperto che al chiuso. Una procedura complessa, realizzata in stretta collaborazione tra Arpa Piemonte ed il Laboratorio di Virologia Molecolare e Ricerca Antivirale del Polo Universitario San Luigi Gonzaga di Orbassano. 

Le prove in campo delle tecniche sviluppate hanno interessato reparti ospedalieri specializzati nella cura dei pazienti covid, gli interni delle abitazioni di nuclei famigliari contagiati, l’aria esterna ai reparti covid degli ospedali così come l’aria respirabile in una qualunque via del centro del capoluogo regionale.

Dai risultati si evince con certezza che in ambiente esterno il virus non è finora risultato rilevabile nell’aria. Negli ambiti ospedalieri, ed in particolare all’interno dei reparti con presenza di malati anche caratterizzati da elevati carichi virali, le concentrazioni rilevabili del SARS-CoV-2 sono risultate generalmente molto contenute, anche in virtù dell’elevato tasso di ricambio dell’aria realizzato in tali aree (6-8 ricambi d’aria ogni ora). In ambito domestico, al contrario, le concentrazioni di virus si sono rilevate più consistenti, fino a 40÷50 copie genomiche del virus al metro cubo di aria. Tali valori risultano fortemente influenzabili dalle frequenze di ricambio d’aria e dal numero di soggetti positivi presenti nelle abitazioni, oltreché dallo sviluppo dei sintomi più comuni della malattia (tosse secca).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Arpa Piemonte è in grado di rilevare il covid nell'aria: le concentrazioni più alte nelle case dei contagiati

NovaraToday è in caricamento