Attualità

Coronavirus, la comunità musulmana raccoglie fondi per l’ospedale Maggiore: c’è chi ha donato metà dello stipendio

"Non è vero che noi stranieri non stiamo facendo nulla per aiutare la città in cui viviamo"

La tenda pre triage all'ospedale Maggiore

“Ho sentito gente che diceva che noi stranieri non stiamo facendo nulla per l’emergenza. Così ho deciso di far sapere che non è vero, che ci siamo attivati anche noi e abbiamo raccolto fondi per l’ospedale Maggiore di Novara”.

Preferisce rimanere anonimo, ma vuole raccontare cosa sta facendo la comunità islamica novarese, e lui stesso, per aiutare la città dove vive e lavora. “Sono originario del Marocco, abito a Novara da 21 anni e ho la cittadinanza italiana dal 2013. Tutti i miei quattro figli sono nati a Novara e mi sento in tutto e per tutto novarese. Quando è iniziata questa emergenza sono rimasto molto colpito a vedere la città che amo in difficoltà, così ho scelto di donare metà del mio stipendio di marzo all’ospedale Maggiore. Certo, la mia famiglia ha dovuto fare qualche sacrificio, ma è un periodo difficile per tutti”.

“Dopo aver fatto la mia donazione ho deciso di chiedere anche a conoscenti e amici, membri del Centro Culturale Islamico di Sant’Agabio, di raccogliere fondi da donare all’ospedale. Ci siamo organizzati e qualche giorno fa abbiamo fatto il bonifico da parte della comunità musulmana novarese. Certo, la cifra non è altissima, ognuno ha donato secondo le proprie possibilità, ma è stato un gesto importante perché ci sentiamo parte di questa città e vogliamo aiutare i medici, gli infermieri e tutto il personale del Maggiore in questo periodo difficile”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, la comunità musulmana raccoglie fondi per l’ospedale Maggiore: c’è chi ha donato metà dello stipendio

NovaraToday è in caricamento