Coronavirus, firmato il nuovo Dpcm: stop alle feste e chiusura anticipata per i locali

Le misure saranno valide fino al 13 novembre. Il Governo raccomanda per le cene tra non conviventi un limite massimo di sei persone. Le novità

Foto Ansa - Repertorio

E' stato firmato nella notte, dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dal ministro della Salute Roberto Speranza, il nuovo Dpcm contenente le nuove regole da seguire per prevenire il contagio da Covid-19. Il provvedimento sarà valido per un mese, fino al 13 novembre. Tra le novità pricipali del nuovo testo, ci sono divieto di feste private e la "forte raccomandazione" a evitare di ricevere in casa più di sei familiari o amici con cui non si convive. Inoltre, ristoranti e bar dovranno chiudere alle 24, ma dalle 21 sarà vietato consumare in piedi, mentre torna il divieto di gite scolastiche e lo stop agli sport di contatto svolti a livello amatoriale.

Mascherine obbligatorie all'aperto e al chiuso

Sport e mascherine, facciamo chiarezza: quando bisogna indossarla

L'articolo 1 del Dpcm stabilisce che "è fatto obbligo sull'intero territorio nazionale di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie, nonché obbligo di indossarli nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all'aperto a eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi, e comunque con salvezza dei protocolli e delle linee guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali, nonché delle linee guida per il consumo di cibi e bevande". Dall'obbligo è escluso chi fa attività sportiva, i bambini sotto i 6 anni, i soggetti con patologie e disabilità incompatibili con l'uso della mascherina. Viene inoltre "fortemente raccomandato" l'utilizzo dei dispositivi "anche all'interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi".

Stop alle feste

Il nuovo Dpcm vieta le feste in tutti i luoghi al chiuso e all'aperto, fatte salve quelle conseguenti alle cerimonie civili o religiose, che possono svolgersi con la presenza massima di 30 persone. Per quanto riguarda le cene o le feste nelle abitazioni private, dal Governo arriva la "forte raccomandazione" a evitare di ricevere in casa più di sei familiari o amici con cui non si convive.

"Coprifuoco" per la movida

Per quanto riguarda i locali pubblici e le attività di ristorazione la chiusura è stata anticipata alle ore 24, ma dalle 21 sarà vietato consumare in piedi, fatta salva la ristorazione con consegna a domicilio o da asporto ma con divieto di consumazione sul posto.

Eventi e sport

Per gli spettacoli restano i limiti di 200 persone al chiuso e di mille all'aperto. Sono invece sospesi gli eventi che implichino assembramenti se non è possibile mantenere le distanze. Le regioni e le province autonome possono stabilire, d'intesa con il Ministro della salute, un diverso numero massimo di spettatori in considerazione delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi. Sono comunque fatte salve le ordinanze già adottate dalle regioni e dalle province autonome. La partecipazione agli eventi sportivi è fissata nel 15% della capienza di stadi e palazzetti, con il limite massimo di 1000 spettatori per gli eventi all'aperto e 200 per quelli al chiuso.

Infine, sono vietate tutte le gare, le competizioni e tutte le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere amatoriale. Gli sport di contatto sono consentiti "da parte delle società professionistiche e - a livello sia agonistico che di base - dalle associazioni e società dilettantistiche riconosciute dal Comitato olimpico nazionale italiano (Coni), dal Comitato italiano paralimpico (Cip), nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, Discipline sportive associate ed enti di promozione sportiva, idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in settori analoghi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, non scendono le sbarre del passaggio a livello: travolto un uomo in scooter

  • Coronavirus, da lunedì 26 ottobre a Novara (di nuovo) niente più visite e ricoveri non urgenti

  • Si ribalta con l'auto in un fosso: è Veronica Cuccaro la 33enne che ha perso la vita a Mortara

  • Cambio dell'ora, torna quella solare: si dorme un'ora in più

  • Coronavirus, anche in Piemonte centri commerciali chiusi nel fine settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: il Piemonte segue la Lombardia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento